menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Opere difformi e dune sbancate, finisce di nuovo nei guai la Bahia del Sol

Posta sotto sequestro un'area asservita allo stabilimento di 650 metri quadrati circa. Il controllo è statp svolto dalla guardia costiera

PORTO CESAREO - Opere in difformità rispetto alle autorizzazioni rilasciate e mancato rispetto della distanza minima dal piede dunale. Sono alcune delle contestazioni mosse alla proprietà del noto lido balneare Bahia del Sol di Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. Il terreno in cui stavano sorgendo le opere, infatti, risulta nella disponibilità della società ed è adiacente allo stabilimento.

Il controllo, che ha fatto scattare alcuni sequestri, è stato svolto questa mattina dai militari della guardia costiera di stanza presso la Capitaneria di porto di Gallipoli e l’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea, appartenenti al Nucleo operativo di polizia ambientale della Direzione marittima di Bari.

I sigilli sono stati posti, in via preventiva, su un un’area di circa 650 metri quadri asservita allo stabilimento balneare Bahia del Sol. Dall’analisi delle ortofoto. i militari hanno anche accertato e contestato il fatto che il cordone di dune sull’area ora sotto sequestro fosse stato sbancato per far posto alla nuova opera.

I militari, su avviso della Procura di Lecce (titolare del fascicolo, il pubblico ministero Massimiliano Carducci), hanno proceduto al sequestro preventivo dell’intera area e delle opere in corso di costruzione. Sono stati segnalati all’autorità giudiziaria i proprietari dell’area in concorso con il direttore dei lavori, il tecnico progettista e il responsabile della ditta esecutrice.

Proprio di recente la Bahia del Sol, con alcuni amministratori pubblici, era stata sotto i riflettori giudiziari per il processo riguardante accuse di abuso d’ufficio e falso sulle autorizzazioni per le serate danzanti. Tutti assolti i principali accusati nel processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento