menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Opere non autorizzate o difformi, sequestri in un lido di Porto Cesareo

L'ispezione è stata fatta dai carabinieri della stazione di Porto Cesareo, insieme con gli agenti di polizia locale e i militari dell'ufficio locale marittimo. La titolare, del posto, risponde di abusivismo edilizio e costruzione in assenza di autorizzazione paesaggistica

PORTO CESAREO – A Porto Cesareo i controlli non finiscono mai. Dopo l’ondata di sequestri della scorsa estate, indubbiamente il fenomeno dell’abusivismo edilizio ha subito un freno, e tuttavia ancora si riscontrano in alcuni casi difformità e irregolarità che sfociano anche nel penale.

Come avvenuto ieri pomeriggio, quando sono scattati i sigilli ad alcune strutture del lido Sirene di località Chiusurelle (zoan Torre Lapillo). Con denuncia per la proprietaria.

L’ispezione è stata fatta dai carabinieri della stazione di Porto Cesareo, insieme con gli agenti di polizia locale e i militari dell'ufficio locale marittimo. La titolare, del posto, risponde di abusivismo edilizio e costruzione in assenza di autorizzazione paesaggistica.

17-4-3Militari e agenti hanno contestato la realizzazione su di un’area demaniale (regolarmente concessa) di una pedana di legno in parziale difformità rispetto al permesso di costruire e all’autorizzazione paesaggistica. Per quanto riguarda la relativa passerella ombreggiata, invece, i permessi sarebbero del tutto assenti.

Inoltre, sono stati costruiti, su un’area privata, due spogliatoi di legno, un deposito (anche questo di legno) poggiante su piattaforma in cemento, un locale per lavanderia con pannelli coibentati, una copertura delle aree adiacenti al bar per 200 metri quadri, in totale assenza di permesso di costruire e di autorizzazione paesaggistica.

I manufatti citati sono stati sottoposti a sequestro preventivo d'iniziativa ed affidati alla custodia della proprietaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento