Cronaca Via Iconella

Un boato nella notte, esplode un ordigno nel centro di Copertino

L'intimidazione indirizzata presumibilmente a un 20enne. Danni alla scala esterna e anche agli infissi delle case confinanti

L'abitazione nel centro storico

COPERTINO – Una deflagrazione tanto potente, da essere stata avvertita persino dai residenti di Leverano. Un ordigno, nella notte, è stato piazzato a Copertino,  nei pressi di via Iconella, all’altezza del civico 40. La bomba, all’interno del centro storico della cittadina, è esplosa intorno alle 2,30, e arrecato danni alla scala esterna di un’abitazione comunale, in uso a una famiglia. La casa è abitata da R.L., una casalinga incenIMG-20160408-WA0007prova1(1)-2surata del luogo di 47 anni. Ma è su uno dei suoi quattro figli che gli investigatori sono ora concentrati: il presunto destinatario di quello che è senza dubbi un messaggio intimidatorio sarebbe, infatti, Giovanni Savina, un 20enne, noto alle cronache locali. 

Il giovane, infatti, è stato sorpreso con delle armi sotto il sedile, circa un anno addietro. Si trovava, poco più che maggiorenne, in compagnia di altri due ragazzi. Procedevano in direzione di Sant'Isidoro quando, dopo una perquisizione nell'abitacolo, sono spuntate munizioni e una pistola semiautomatica, con matricola abrasa.  L’onda d’urto ha scalfito e provocato conseguenze sui gradini che conducono all’appartamento posto al primo piano, all'interno di una vecchia corte. Ma i danni, ingenti e non coperti da assicurazione, sono visibili su porte e finestre, oltre che sugli infissi delle abitazioni confinanti. Sul posto, i carabinieri della tenenza locale e della compagnia di Gallipoli, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e degli artificieri dell’Arma.20160408_110245prova1-2

Gli stessi vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, sopraggiunti, hanno rinvenuto assieme ai militari le tracce di cosiddetta polvere nera sulle pareti, utilizzata per comporre l’ordigno. L’ispezione da parte del personale dell’Ufficio tecnico comunale ha messo in evidenza danni strutturali all’immobile, tanto da essere stato dichiarato inagibile. Sono comunque in corso oltre alle verifiche sulla tenuta dell’edificio, anche quelle relative ai sistemi di videosorveglianza: complesso recuperare fotogrammi, trattandosi del centro storico, ma gli investigatori stanno comunque setacciando la zona alla ricerca di "occhi elettronici" e testimoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un boato nella notte, esplode un ordigno nel centro di Copertino

LeccePrima è in caricamento