rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Fatto brillare in mattinata

Ordigno ritrovato sulla battigia di Torre Chianca: disinnescato dall'Esercito

Dopo la segnalazione della presenza di un residuato bellico, intervenuto il personale dell’11esimo reggimento guastatori di Foggia per neutralizzarlo

LECCE – È stato rinvenuto nel pomeriggio di ieri sulla battigia di Torre Chianca un vecchio ordigno bellico: a segnalare l’accaduto un equipaggio di Ecofedercaccia della provincia di Lecce, che si trovava in zona e che, insospettito dall’oggetto, ha subito allertato le forze dell’ordine.

Il residuato bellico era collocato a circa due metri dalla riva, quando sul luogo sono sopraggiunti gli agenti della sezione volanti della questura di Lecce, arrivati sul posto per le opportune verifiche e provvedere alla messa in sicurezza dell’area, in attesa dell’arrivo dell’artificiere della polizia di Stato in servizio presso l’ufficio di polizia di frontiera presso lo scalo aereo di Brindisi.

Quest’ultimo, una volta sul posto e valutata la effettiva pericolosità dell’ordigno e, non potendo operare personalmente, rimandava l’intervento alla prima mattinata odierna, ad opera dei militari dell’11° reggimento guastatori di Foggia, già allertati, mentre gli equipaggi di polizia, dei carabinieri, della finanza hanno continuato a vigilare sul sito.

Guarda il video

Solo nella mattinata di oggi, gli esperti dell’esercito con il personale di polizia, impegnato alla vigilanza, anche ad opera della polizia locale di Lecce, dopo ulteriore capillare controllo per la messa in sicurezza della zona, hanno fatto brillare l’ordigno, alle ore 11.10: l’oggetto viene descritto come proietto d’artiglieria 75 mm HE di nazionalità italiana.

Ultimate le operazioni è stato svolto un ulteriore controllo della zona, appurando che non sono stati arrecati danni di alcun genere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordigno ritrovato sulla battigia di Torre Chianca: disinnescato dall'Esercito

LeccePrima è in caricamento