rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Gallipoli

Ordina 400 litri olio d'oliva e svanisce nel nulla: era truffatrice seriale

Vittima della frode, un olivicoltore 70enne di Gallipoli. La donna, 36enne casaranese, rintracciata dai carabinieri

CASARANO – E prima non ha i soldi, e poi ha un problema con la banca, infine svanisce come fosse un fantasma. Scuse su scuse. Una montagna di scuse. E il povero agricoltore resta senza il becco di un quattrino (avanza 4mila euro) e con 400 litri di olio extravergine di oliva di prima qualità in meno.

La frode è stata smascherata e ora al malcapitato non resta che sperare in futuro in un ristoro. A incastrare l’acquirente, sono stati i carabinieri della stazione di Gallipoli. Questa mattina hanno denunciato alla Procura B.C. una 36enne originaria di Maglie e residente a Casarano. La donna risponde di truffa aggravata e continuata. E a quanto pare è pure recidiva. Già, perché secondo quanto verificato dai carabinieri, già in passato avrebbe adottato sistemi simili per incamerare merce senza versare un euro.

L’indagine è iniziata dopo la denuncia sporta da un olivicoltore 70enne di Gallipoli. Il mese scorso, la donna lo avrebbe contattato per l’acquisto di oltre 400 litri di olio. L’uso che ne avrebbe fatto, a suo dire, puramente domestico, per sé e la propria famiglia.

Ricevuta la merce, però, con due distinte consegne da circa 200 litri ciascuna nel giro di pochi giorni, sarebbero iniziate anche le scuse per rimandare il pagamento. Fino a sparire nel nulla, disattivando l’utenza cellulare fornita al malcapitato.

I militari gallipolini, però, grazie ai dettagli forniti dall’uomo e all’esame dei tabulati telefonici del numero fornito dalla 36enne prima della disattivazione della carta sim, sono riusciti a stanarla, rilevando come fosse nota alle forze dell’ordine per decine di episodi analoghi. E così, questa mattina, l'hanno rintracciata e deferita. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordina 400 litri olio d'oliva e svanisce nel nulla: era truffatrice seriale

LeccePrima è in caricamento