Ufficio postale nel camper, salute a rischio: ultimatum del sindaco Rolli

Da metà aprile, a causa di lavori nella filiale di Poste Italiane, le operazioni si svolgono su un veicolo. Ma utenti a lavoratori subiscono troppi disagi

Il sindaco di Cutrofiano, Oriele Rolli.

CUTROFIANO - Sono cinque i giorni di tempo a disposizione di Poste Italiane per trasferire in un prefabbricato l'ufficio postale che dal 17 aprile è ospitato in un camper posizionato in via Capo. I lavori di adeguamento, peraltro della durata di almeno un anno, della locale sede postale hanno suggerito una soluzione che sin dai primi giorni ha causato disagi e malcontento.

Gli utenti, che in parte sono anziani, sono infatti esposti alle avversità meteo - prima è stata la temperatura quasi invernale, ora il caldo pienamente estivo - né possono utilizzare servizi igienici nelle vicinanze. In poche parole non sarebbero rispettate le minime condizioni a tutela della salute pubblica e anche di quella dei dipendenti stessi. Nei giorni scorsi Cgil aveva denunciato la situazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Cutrofiano, Oriele Rolli, ha dunque firmato un'ordinanza urgente sulla base di un'ispezione del personale Asl, intimando al legale rappresentante di Poste Italiane di provvedere alla rimozione, nel termine stabilito, della cause che costituiscono situazione di rischio per i cittadini e per i lavoratori. In altre parole, l'intenzione dell'amministrazione è quella di attuare in tempi brevissimi la soluzione già concordata con l'azienda: quella di sistemare un prefabbricato in via Foggia, davanti al palasport. Il 30 maggio è stata concessa dal Comune l'autorizzazione all'utilizzo del suolo pubblico e il 14 giugno, stante l'inerzia, è partita una prima diffida che, tuttavia, ad oggi non ha prodotto passi in avanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento