Cronaca Via Duca degli Abruzzi

Stop agli alcolici dalle 21 alle 7 del mattino. Vietato anche sedersi per terra

Il sindaco ha firmato un'ordinanza per via Duca degli Abruzzi. Il provvedimento arriva al termine di una serie prolungata di sollecitazioni da parte dei residenti vessati dal degrado: continui gli interventi della polizia per risse e spaccio

LECCE – Si corre ai ripari in via Duca degli Abruzzi. Il sindaco, Paolo Perrone, ha firmato un’ordinanza che impone, tra il 30 aprile e il 31 luglio, il divieto di vendere o somministrare bevande alcoliche di qualsiasi gradazione tra le 21 e le 7 del mattino. In altro orario si potrà consumare nei locali commerciali e negli spazi concessi agli esercizi pubblici.

Il provvedimento contiene una serie di altri divieti, come quello qualunque contenitore vuoto di bevande e alimenti al di fuori dei cestini; quello usare le aree pubbliche per soddisfare bisogni corporali, quello di bivaccare o sistemare ricoveri di fortuna, anche davanti alle porte e perfino sedersi sulle scale o sui bordi della strada.

La via in questione, cerniera tra il centro cittadino e la zona della stazione, come testimoniano le cronache quotidiane è teatro con una certa frequenza di episodi che turbano la serenità dei residenti, dando loro una perenne sensazione di insicurezza. Gli interventi delle volanti della questura, sollecitati a tutte le ore della notte e sempre più spesso anche di giorno, non possono che tamponare la situazione sulla quale ora l’amministrazione interviene con atti ad hoc.

Gli abitanti della via si sono rivolti in più circostanze agli uffici comunali e una loro rappresentanza ha anche incontrato il primo cittadino. Della strada in questione si è discusso più volte nel corso delle riunioni del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza e l’ordinanza firmata oggi ha avuto il via libera dal prefetto, Giuliana Perrotta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop agli alcolici dalle 21 alle 7 del mattino. Vietato anche sedersi per terra

LeccePrima è in caricamento