Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Otranto

Evade dai domiciliari e minaccia e spara con arma a salve contro un ragazzo

A Otranto nuovo arresto per il 31enne Gianfranco Spinale. Vittima, un minorenne del posto. I fatti qualche notte addietro. I poliziotti hanno trovato in casa una pistola compatibile con il bossolo

OTRANTO – Nei guai c’era finito già a marzo, quando, procedendo contromano con uno scooter, per giunta ubriaco, intercettato dai carabinieri, aveva iniziato a colpirli con una scopa rimediata vicino a un negozio. Per bloccarlo definitivamente, era stato necessario anche l’intervento del commissariato di polizia. Ora, di nuovo il commissariato di Otranto è intervenuto per contestargli altri reati, per i quali è finito in carcere.

Si tratta di Gianfranco Spinale, 31enne originario di Catania, ma da anni residente nella Città dei Martiri. Già sottoposto ai domiciliari per la summenzionata vicenda, risponde di evasione, porto abusivo di armi, spari in luogo pubblico e minacce aggravate ai danni di un minore. È stato anche segnalato alla Prefettura per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

L’ordine di arresto, eseguito in mattinata, è stato spiccato dal Tribunale di sorveglianza, dopo una serie di accertamenti avvenuti qualche notte addietro. Il 24 luglio, infatti, intorno alle 3,25, sul 113 erano arrivate diverse richieste di intervento per una rissa e alcuni colpi di arma da fuoco. Quando una volante del commissariato di polizia era arrivata sul posto, i contendenti si erano già dileguati e i testimoni confusi tra la folla. Nonostante qualche difficoltà, gli agenti erano comunque riusciti a individuare qualche testimone e a rinvenire un bossolo calibro 7.65. Dalle informazioni raccolte e dall’intervento degli investigatori, si era poi riuscito a ricostruire l’accaduto.

Dunque, poco prima, un minorenne del posto, mentre percorreva piazzale De Donno, aveva incrociato due giovani che lo avevano spinto. Uno gli aveva anche sferrato un pugno in faccia, facendolo cadere in terra.  Rialzatosi e allontanatosi verso la vicina via Papa Giovanni Paolo II, qui, però, il ragazzo era stato raggiunto da un uomo a bordo di un ciclomotore, poi identificato in Spinale, che gli aveva puntato una pistola contro (a salve) esplodendo alcuni colpi e allontanandosi.

Sospettando subito del 31enne catanese, i poliziotti di Otranto avevano svolto una perquisizione domiciliare, trovando una pistola a salve, nera e di marca Bruni M84, munita di tappo rosso e priva di cartucce, risultata compatibile col bossolo rinvenuto sul luogo dell’accaduto. Inoltre, nella camera da letto gli agenti hanno trovato 4 grammi di marjuana.

Inizialmente denunciato per quanto avvenuto, il Tribunale di sorveglianza di Lecce ha revocato il beneficio della detenzione domiciliare per Spinale, disponendo che fosse condotto in carcere. Restano alcuni punti da chiarire, circa la lite che ha innescato il tutto e la partecipazione di altri alla vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade dai domiciliari e minaccia e spara con arma a salve contro un ragazzo

LeccePrima è in caricamento