Otteneva merce gratis forte dei suoi trascorsi mafiosi: a processo

Giudizio immediato per Emiliano Vergine, il 42enne di Trepuzzi arrestato lo scorso luglio per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Due le vittime accertate dall’inchiesta

TREPUZZI - Forte del suo passato criminale avrebbe ottenuto merce, anche a domicilio, senza versare neppure un centesimo. E’ questa l’accusa, di estorsione con metodo mafioso, dalla quale dovrà difendersi Emiliano Vergine, 42 anni, di Trepuzzi,  nel processo che si aprirà il prossimo 2 dicembre dinanzi ai giudici della seconda sezione penale. Lo ha stabilito con un decreto di giudizio immediato il gip Simona Panzera, in sostituzione del collega Edoardo D’Ambrosio che firmò l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi riguardi, eseguita lo scorso luglio dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Campi Salentina.

Sono due gli imprenditori che sarebbero stati vessati dal 42enne: il primo, titolare di una pizzeria a Trepuzzi, in più occasioni, sarebbe stato costretto a consegnargli bibite e rosticceria per un totale di 3mila euro. Non solo. Avrebbe ricevuto anche l’ordine, tramite un suo dipendente, di mentire ai militari qualora gli avessero chiesto informazioni:  avrebbe dovuto dire che era sempre la moglie a fare gli ordini e che la merce veniva pagata regolarmente. Il secondo imprenditore, invece, proprietario di un negozio di elettrodomestici, a Squinzano, non avrebbe ricevuto l’importo dovuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La partecipazione di Vergine alla frangia della Sacra Corona Unita attiva nei territori di Campi Salentina e Squinzano, accertata con sentenza passata in giudicato, ha pesato non poco nell’inchiesta, perché è questa che, secondo l’accusa, l'avrebbe agevolato nel perseguire i suoi obiettivi. Ma è proprio da questo passato che l’indagato prese le distanze durante l’interrogatorio di garanzia: precisò come nell’ultima sentenza (scaturita dall’operazione “Vortice Déjà Vu”) che lo interessa (prodotta dall’avvocato difensore Rita Ciccarese) sia stato ritenuto responsabile di traffico di sostanze stupefacenti, ma non di associazione mafiosa, reato per il quale fu, invece, condannato nel 2003.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento