Cronaca

Otto clandestini salvati in alto mare dalla capitaneria

Una segnalazione radio ha permesso alla motovedetta Cp809 della guardia costiera di intervenire nelle acque di Otranto, mettendo in salvo otto uomini nordafricani a circa 30 chilometri dalla costa

100_1962

OTRANTO - Hanno viaggiato a bordo di un'imbarcazione di soli 4 metri e mezzo di lunghezza, precaria e tutt'altro che sicura, gli uomini nordafricani messi in salvo ieri pomeriggio dalla guardia costiera di Otranto a trenta chilometri al largo dalla costa. L'ascolto radio sul canale 16 di emergenza ha infatti permesso al personale della sala operativa di intercettare una segnalazione proveniente da una barca a vela, in viaggio nelle acque adriatiche.

Nonostante il segnale via etere fosse frammentato ed incompleto, gli uomini della capitaneria non hanno esitato neppure per un istante, intervenendo nel punto suggerito. La motovedetta Cp809 ha immediatamente abbandonato gli ormeggi per raggiungere in poco più di mezzora l'imbarcazione in pericolo. Quello che si sono ritrovati di fronte era un gruppo di otto immigrati, giovani e di evidente provenienza nordafricana, assetati e disorientati.

L'equipaggio a bordo della vedetta ha prestato i primi soccorsi agli otto giovani immigrati, mentre la sala operativa ha curato il coordinamento tra il servizio medico del 118, il Commissariato di polizia di Otranto e il centro idruntino di prima accoglienza "Don Tonino Bello".


Raggiunto il porto della "Città dei Martiri", i militari hanno consegnato gli otto uomini alle cure dei sanitari del 118 intervenuti per verifiche mediche di routine. Dopo averli scortati fino alla sede del centro di prima accoglienza, il personale della capitaneria ha poi dato inizio alle indagini mirate non solo ad individuare gli scafisti e gli organizzatori della traversata, ma soprattutto con l'intento di isolare eventuali membri di associazioni terroristiche o criminali dal resto del gruppo. Il natante sul quale hanno viaggiato i giovani nordafricani è stato invece dapprima recuperato dall'equipaggio della motovedetta, senza non poche difficoltà, e poi dichiarato sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto clandestini salvati in alto mare dalla capitaneria

LeccePrima è in caricamento