Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Otto nasse “abbandonate” in mare, sequestrate dalla guardia costiera

Le attrezzature da pesca rinvenute lungo il litorale ionico tra il porto di Gallipoli e l’area marina di Porto Cesareo

GALLIPOLI – Nell’ambito dei  controlli per fronteggiare gli abusi in mare e la pesca illegale e al fine di tutelare anche le zone di navigazione e transito delle imbarcazioni il personale della capitaneria di porto di Gallipoli ha recuperato e posto sotto sequestro otto nasse. 

Questa mattina infatti un mezzo della guardia costiera impegnato nelle attività di polizia marittima ha effettuato una perlustrazione lungo il litorale ionico partendo dal porto di Gallipoli e risalendo verso l’area marina protetta di Porto Cesareo. Lungo il tragitto i militari  hanno ritrovato in diversi punti otto nasse utilizzate per la pesca ed adagiate in mare, ma non segnalate in maniera corretta.

Le attrezzature posizionate da pescatori in una zona di mare altamente transitata da imbarcazioni e sprovviste di qualsivoglia sigla identificativa rappresentavano di fatto anche un serio pericolo per la navigazione e per questo motivo su disposizione dell’autorità giudiziaria sono state poste sotto sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto nasse “abbandonate” in mare, sequestrate dalla guardia costiera

LeccePrima è in caricamento