Adescava ragazzine via social e riceveva foto erotiche sotto minaccia

Un uomo di Palermo usando profili falsi avrebbe ricattato almeno nove minorenni, fra cui due 12enni. "Foto erotiche o dico ai genitori che hai contatti con sconosciuti". L'indagine partita da Copertino, dopo una denuncia alla tenenza

PALERMO – Un uomo sulla quarantina d’anni di Palermo è stato arrestato all’alba di oggi dopo una delicata indagine avviata dai carabinieri della tenenza di Copertino. Questi avrebbe adescato almeno nove ragazzine, di ogni parte d’Italia (fra cui due 12enni, le più piccole) usando come tramite il social network per antonomasia, Facebook.   

E’ stata, dunque, una famiglia salentina a far partire l’inchiesta, presentando una denuncia presso la caserma copertinese. E da lì, navigando sulla rete, si è scoperta la trappola tesa dall’uomo che, stando a quanto accertato, tra marzo del 2018 e aprile dello scorso anno, avrebbe obbligato le vittime a mostrare organi sessuali e a ritrarsi in pose erotiche, facendosi inviare il materiale pedopornografico e riducendole al silenzio con la minaccia di riferire ai genitori di contatti con uno sconosciuto.

La tecnica adottata, quella consueta: creava profili falsi, fingendosi a sua volta un ragazzino e usando immagini di giovani avvenenti. Dietro ai quali, dunque, si celava una sorta di mostro.

L’indagine è stata coordinata dal sostituto procuratore presso la Procura di Lecce, Luigi Mastroniani. Tre sono state le perquisizioni domiciliari nel capoluogo siciliano, con il sequestro di consistente materiale informatico. I carabinieri hanno trovato un numero cospicuo di file di carattere perdopornografico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Procura, vista la gravità del quadro, ha così disposto un fermo d’indiziato di delitto. A eseguirlo il comandante della tenenza copertinese, il sottotenente Salvatore Giannuzzi, in trasferta a Palermo e coadiuvato dai colleghi della stazione di San Filippo Neri. L’uomo si trova ora recluso presso la casa circondariale “Pagliarelli”. Dovrà rispondere di pornografia minorile ed estorsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento