Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

I cittadini chiamano il 112, i carabinieri acciuffano il topo d'appartamento

Giuseppe De Salve, 30enne, è finito in carcere, dopo le ricerche avviate dai militari, che hanno raccolto indicazioni da alcuni testimoni. Il complice è però fuggito con la refurtiva. Il furto in casa di un pensionato del posto

PARABITA – Uno è finito dritto in carcere, il complice, però, per il momento è uccel di bosco e, probabilmente, ha con sé tutta la refurtiva. Giuseppe De Salve, 30enne di Parabita, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato nella tarda serata di ieri, dopo una serrata indagine dei carabinieri della stazione locale, con l’accusa di furto aggravato in concorso. Sarebbe autore di un furto all’interno di un’abitazione, messo a segno insieme ad un altro uomo, per il momento non ancora identificato.

Il fatto s’è verificato intorno alle 20 di ieri sera. In due, dopo aver forzato una finestra, si sono introdotti all’interno di un appartamento di proprietà di un pensionato del posto, approfittando della sua assenza. E scappando via con un computer portatile ed una pen-drive usb. Dato l’orario, lungo le vie del comune c’erano ancora diverse persone e il comportamento sospetto non è passato inosservato a più di qualcuno. Sono quindi partite le chiamate ai carabinieri, proprio negli stessi attimi in cui la vittima stava giusto facendo rientro in casa, scoprendo con amarezza quando accaduto.

DE SALVE GIUSEPPE-2I carabinieri, nell’immediatezza del fatto, hanno acquisito dettagliate informazioni sull’abbigliamento e sull’aspetto dei due ladri, particolari che hanno permesso, in poco tempo, d’identificare almeno uno dei presunti autori. De Salve, infatti, è stato bloccato e poi tratto in arresto. Ma il sospetto è che la refurtiva sia in mano all’altro uomo. Il pubblico ministero di turno, informato dei fatti, ha disposto il trasferimento presso la casa circondariale di Lecce del 30enne. Le ricerche del complice proseguono in queste ore, sotto il coordinamento della compagnia di Casarano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cittadini chiamano il 112, i carabinieri acciuffano il topo d'appartamento

LeccePrima è in caricamento