rotate-mobile
Cronaca Tricase

Parcheggi a Tricase, la sentenza: “Appalto regolare. Tre assoluzioni”

Arriva il verdetto sulla lunga vicenda giudiziaria legata alla gestione dei parcometri a Tricase che vedeva sott’accusa la società Gestam Group srl che si aggiudicò l’appalto. Per la giudice: “Il fatto non sussiste”

TRICASE - Si è conclusa con tre assoluzioni la lunga vicenda giudiziaria legata alla gestione dei parcometri a Tricase. Nel processo che si è concluso dopo cinque anni dal rinvio a giudizio, si sono mostrate infondate le accuse di turbativa d’asta,  falso contestate a vario titolo agli imputati.

Si tratta di Marco Sodero, 42enne di Tricase, in qualità di legale rappresentante della Gestam Group srl, la società che si aggiudicò l’appalto nel 2014; e Marco Calignano, 44enne di Nardò, responsabile della Qualità aziendale; Renato Erminio, 50enne di Tricase, professionista incaricato dall’azienda di presentare la richiesta di iscrizione della società nel Registro delle Imprese della Camera di Commericio di Lecce.

La sentenza è stata emessa ieri dalla giudice della prima sezione penale del tribunale di Lecce Annalisa De Benedictis, alla quale la pubblica accusa aveva chiesto: due anni di reclusione per il primo; un anno e otto mesi  per Calignano, e l'assoluzione per Erminio.

Stando all’accusa, ci sarebbero state alcune palesi irregolarità nell’aggiudicazione del bando e la cooperativa sociale Apulia, seconda classificata, si costituì parte civile al processo con gli avvocati Silvio Caroli e Vincenzo Del Prete, chiedendo venissero condannati tutti e tre gli imputati.

 Tuttavia la giudice dopo aver ascoltato la difesa, rappresentata dagli avvocati Luca Puce, Luigi Covella e Massimiliano Musio, secondo cui non cui c’era alcuna prova della consumazione di reali condotte fraudolente ha concluso che “il fatto non sussiste”.

Insomma, se in sede penale, ci sono voluti degli anni per arrivare a un epilogo, dal punto di vista amministrativo la Gestam ottenne il pieno riconoscimento dell’assoluta correttezza del proprio operato, prima dal Tar di Lecce poi, nel marzo del 2017, dal Consiglio di Stato.

Durante le indagini, nel giugno del 2016, la guardia di finanza eseguì, su disposizione della Procura, il sequestro preventivo dei dispositivi, poi annullato dal Tribunale del Riesame.

Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro novanta giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi a Tricase, la sentenza: “Appalto regolare. Tre assoluzioni”

LeccePrima è in caricamento