Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Copertino

Parco Grottella: promesse mancate e futuro in bilico

A Copertino, riprende piede la discussione sul destino del polmone verde cittadino: le ipotesi dei mesi scorsi sembrano non trovare concretezza. E Nestola torna a chiedere risposte certe

COPERTINO - Il parco della Grottella torna all'attenzione delle cronache copertinesi: a puntare i riflettori sull'argomento è Alessandro Nestola, componente di Alba Nuova e Copertino Meetup, che ricorda come qualche mese fa, sugli organi di formazione, si leggesse di una proposta che prospettava di affidare la gestione del parco della Grottella ai frati del vicinissimo Santuario, col susseguirsi di non poche polemiche, perplessità e voglia di chiarezza sul futuro della meta estiva preferita da molti copertinesi.

"Noi - afferma Nestola - come associazione non ci siamo opposti del tutto all'idea avanzata dall'Assessore Tommaso Leo. Abbiamo però richiesto chiarezza e massima trasparenza cercando, tramite la Consulta Giovanile, di poter avanzare alcune proposte all'amministrazione. La nostra voglia di approfondire l'argomento sulle sorti del parco era tale che chiedemmo, assieme ad altre associazioni e partiti, un incontro della Consulta Giovanile con l'assessore Leo, il Sindaco e un rappresentante dei frati del Santuario".

Nestola rammenta come il primo cittadino avesse preso un impegno con la consulta, ossia quello di programmare un nuovo colloquio per raccogliere idee, suggerimenti, proposte e produrre un bando per la gestione del parco: "Oggi - puntualizza Nestola -, ancora una volta la promessa del sindaco non è stata mantenuta. Pur comprendendo l'immediata necessità di intervenire affinché il parco ritorni a vivere e a richiamare a se i giovani copertinesi, mi chiedo perché il Sindaco non abbia voluto sentire i pareri provenienti da quelle associazioni che oggi sta invitando con il bando a partecipare".

Il bando, come spiega Nestola, prevede che "I soggetti legittimati alla gestione del parco potranno presentare la loro offerta a partire da una base di mille euro e potranno concorrervi le associazioni legalmente riconosciute, le associazioni temporanee di scopo, le fondazioni e le imprese individuali purché in possesso dei requisiti per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande".

"L'uso turistico religioso che l'assessore Dell'Anna si sta impegnando a sviluppare attorno al santuario - si chiede Nestola - non sarà in contrasto con il chiosco destinato, come prevede il bando, alla somministrazione anche di alcolici?! Così come la musica fino a tarda notte!? A queste domande molti avrebbero voluto risposta già tempo fa, da quando si denunciò lo stato di abbandono e l'inesistente manutenzione ordinaria che colpiva drammaticamente il nostro parco".

Da Alba Nuova e Copertino Meetup si chiede, dunque, all'amministrazione quale futuro si voglia riservare all'unico polmone verde del paese, e se s'intenda proseguire la linea che impone la laicità del luogo di proprietà comunale oppure quella di affidarlo interamente alla Chiesa, affinché questo possa un domani diventare parte integrante del santuario di Santa Maria della Grottella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Grottella: promesse mancate e futuro in bilico

LeccePrima è in caricamento