Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Grattini con l’indicazione della targa. Posta la questione della tutela della privacy

Lo Sportello dei diritti, a proposito dei nuovi parcometri, si è rivolto ad un esperto di Diritto delle nuove tecnologie. Il ticket con la matricola del veicolo potrebbe violare i principi che tutelano in Italia il trattamento dei dati

LECCE – Secondo l’esperto, l’indicazione della targa dell’auto sul ticket per la sosta potrebbe infrangere privacy. A Graziano Garrisi, avvocato specializzato in Diritto delle nuove tecnologie, infatti, si è rivolto lo “Sportello dei diritti” per avere un parere sull’utilizzo dei nuovi parcometri voluti dal Comune di Lecce.

E il giurista ha risposto di avere pochi dubbi in merito: ricorrerebbe, a suo parere, la violazione dei principi di necessità, proporzionalità, pertinenza e non eccedenza nel trattamento dei dati che dovrebbe avvenire riducendo al minimo l'utilizzazione degli stessi. Di più: se le finalità possono essere comunque raggiunte mediante dati anonimi, si dovrebbe procedere senza raccolta. “Poiché sino ad oggi la finalità del pagamento della sosta a pagamento era comunque realizzata senza l'utilizzo del numero di targa, e poiché questo è a tutti gli effetti un dato personale – spiega Giovanni D’Agata dello Sportello dei diritti -, i rischi per gli interessati sono elevati perché si verrebbe a creare una banca dati di grandi dimensioni, che senza adeguati controlli e misure di sicurezza esporrebbe, almeno in astratto, i cittadini a possibili utilizzi differenti rispetto alle finalità della raccolta”.

Per l’associazione è necessario che l’amministrazione comunale ed Sgm, società che gestisce i parcheggi a pagamento in città, facciano chiarezza sulla questione, restando fermo il punto della preventiva informazione ai cittadini secondo l’articolo 13 del decreto legislativo 196 del 2003. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grattini con l’indicazione della targa. Posta la questione della tutela della privacy

LeccePrima è in caricamento