Nuovi pass per la Ztl, tutti in ritardo allo sportello: tolleranza per due settimane

Per il rinnovo il termine era fissato al 31 agosto ma in pochi hanno rispettato i tempi. Così fino al 15 settembre i vecchi permessi saranno ancora validi

LECCE – Altro non si era detto, sei mesi addietro: “Non aspettate l’ultimo momento”. Eppure solo in pochi, meno di duemila cittadini, hanno rinnovato il pass di accesso alla Ztl alla luce del nuovo regolamento che sarebbe in vigore da oggi: il condizionale è giustificato dal periodo di tolleranza fino al 15 settembre deciso dall’amministrazione comunale preso atto del grande afflusso degli ultimi giorni presso l’ufficio Mobilità (la cui attività sarà illustrata domani in conferenza stampa dall’assessore, Luca Pasqualini). Saranno cioè ancora validi i vecchi permessi.

A partire dal giorno successivo, fa sapere una nota di Palazzo Carafa, potranno circolare nel centro storico solo i titolari dei pass concessi alla luce del possesso dei requisiti indicati dal regolamento. La questione della mobilità nella parte antica di Lecce ha assunto una notevole rilevanza da quando, nel maggio del 2013 venne fuori il numero abnorme di pass rilasciati dopo un’ordinanza sindacale del 1999 e provvedimenti ad hoc degli anni seguenti, per un totale di almeno 12mila vetrofanie. Un dato assolutamente sproporzionato rispetto al numero di residenti e domiciliati (7mila 648 al 2013).

Da allora è iniziato un percorso, faticoso e quasi surreale, di gestazione del regolamento (dunque il primo che interviene sulla materia) che ha portato al varo di norme con le quali l’amministrazione comunale punta a un deciso abbattimento del volume di traffico nel centro storico. Più diffidenti le minoranze, per le quali i criteri non sono poi così diversi da quelli dei provvedimenti preesistenti. Ma sulla questione mobilità, da qualche mese, si è attivata la campagna referendaria, promossa da diverse associazioni riunite nel comitato Decidi tu!, per l’estensione temporale della vigenza della Ztl per le 24 ore giornaliere e per tutti i giorni della settimana: adesso le restrizioni vigono dalle 21 alle 6 dal lunedì al sabato (domenica e festivi 24 ore su 24).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si propone quindi un cambiamento delle regole, ma una copertura temporale totale. Le firme necessarie per la convocazione del referendum sono state raccolte e ora si attende l’ufficializzazione della data: la speranza dei promotori è che si possa unire la consultazione cittadina con quella nazionale per la riforma della Costituzione: in questo modo il raggiungimento del quorum sarebbe scontato e si risparmierebbero anche denari pubblici. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecce usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento