Cronaca Zollino

Pasta sfoglia sequestrata, una ditta: "Noi estranei"

"La Cucina Sas di Giordano Roberto Arcangelo" nella zona artigianale di Zollino chiarisce la propria posizione, precisando che la recente operazione dei Nas non avrebbe riguardato la propria ditta

1_DSCN1594

ZOLLINO - In merito alla notizia riguardante una recente operazione del Nucleo anti sofisticazioni di Lecce (la comunicazione è apparsa il 17 ottobre scorso), "La Cucina Sas di Giordano Roberto Arcangelo" che sorge in via Guido Rossa, nella zona artigianale di Zollino, nel tentativo di fare un po' di chiarezza, replica alla notizia apparsa sul nostro e su altri organi d'informazione locali, precisando che "nessun sequestro di prodotto mal conservato è stato effettuato nei suoi confronti".

In sostanza, ribadendo "la serietà del proprio operato", le stessa ditta specifica che "il sequestro del prodotto di cui si è scritto è avvenuto nei confronti di altra azienda avente sede nel comune di Zollino". La ditta "La Cucina Sas", che opera nel servizio di ristorazione nelle scuole di Zollino, Sternatìa, Caprarica, per l'Unione dei Comuni, San Donato di Lecce, Racale, Melissano, Martano, nella stessa Lecce e nel rione Castromediano di Cavallino, si dice dunque estranea alla vicenda.

La notizia, come si ricorderà, riguardava 380 chilogrammi di pasta sfoglia all'uovo precotta e surgelata rinvenuti dai Nas e ritenuta in cattive condizioni di conservazione: come riferito dagli specialisti dei carabinieri, le confezioni si sarebbero presentate in parte gonfie e con il colore superficiale della pasta disomogeneo. Il prodotto risultava acquistato nel luglio del 2008. L'ipotesi di reato è di detenzione ai fini della somministrazione di alimenti in cattivo stato di conservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasta sfoglia sequestrata, una ditta: "Noi estranei"

LeccePrima è in caricamento