Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Paura per bimbo con mano incastrata nella macchinetta

Disavventura a lieto fine per un bambino intento a ritirare un gadget da un distributore di palline colorate: ci sono voluti, però, due mezzi dei vigili del fuoco e carabinieri per prestare soccorso

Foto per concessione di Luciano Esposito.

OTRANTO - La mano infilata nella macchinetta che distribuisce gadget per i più piccoli e che non esce più. Ferma, incastrata dentro la fessura di quell'aggeggio, comunemente chiamato "macchina delle palline". La disavventura è reale ed è capitata ad un bimbo di appena cinque anni, che, intorno a mezzogiorno, all'esterno di alcuni esercizi commerciali di Otranto, su via Giovanni Paolo II, dopo aver messo le monetine nella macchinetta distributrice, ha messo la mano all'interno per afferrare e ritirare la sfera ambita.

Ma il movimento naturale di estrazione è stato bloccato da cause non ancora ben chiarite. Fatto sta che il bimbo è rimasto letteralmente con la mano incastrata nella macchinetta ed è scattato il panico generale, con il piccolo impaurito e una calca di gente, attorno, sopraggiunta per cercare di aiutarlo. La situazione si è dimostrata ben più complicata del previsto, in quanto sono dovuti intervenire gli uomini dei vigili del fuoco (con due propri mezzi) ed i carabinieri della locale stazione, per venirne a capo.


Le operazioni sono andate avanti per diversi minuti, ma, fortunatamente, l'intervento di estrazione alla fine è riuscito. Il bambino, visibilmente provato, è stato poi soccorso dal personale del Victor 118 Conca Specchiulla. Sulla macchinetta sono in corso delle verifiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura per bimbo con mano incastrata nella macchinetta

LeccePrima è in caricamento