Cronaca

Peculato, ex comandante della municipale deve scontare quattro anni

Esecutiva la pena ai danni di Michele Moretto, originario di Trepuzzi, oggi 70enne e in pensione. Quand'era capo dei vigili urbani di Surbo, non avrebbe versato oltre 3 milioni di lire. Importi accertati per venticinque contravvenzioni

SURBO – Non avrebbe versato alla tesoria comunale i soldi delle multe e per questo ora deve scontare la pena, essendo diventata esecutiva la condanna. Alle porte di casa di Michele Moretto, originario di Trepuzzi, oggi 70enne e in pensione, già comandante della polizia municipale di Surbo, nei giorni scorsi hanno bussato i carabinieri della stazione, che l’hanno arrestato. Quattro gli anni di reclusione a carico dell'ex capo dei vigili.

Si tratta della pena residua di una condanna complessiva a quattro anni e mezzo inflittagli nell’aprile del 2011 per peculato dai giudici della seconda sezione penale. Le accuse in tribunale furono sostenute dal pm Giovanni Gagliotta.

Nel corso del processo, Moretto era stato anche accusato di distruzione di atti pubblici, reato per il quale non è stato punito, essendo subentrata la prescrizione. Stando all’esito dell’inchiesta, tra il 1998 e il 2001, quand’era in servizio, l’ex comandante avrebbe fatto venticinque multe, per un totale di 3 milioni e 56mila lire, denaro che però non sarebbe stato versato in cassa. Gli importi variavano da un minimo di 60mila a un massimo di 254mila lire.

In tutto ciò, l’uomo avrebbe anche eliminato ogni traccia avrebbe permesso di far risalire in primis a lui e poi ai cittadini che avevano subito la contravvenzione. Un espediente che, tuttavia, non gli è valso l’impunità. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peculato, ex comandante della municipale deve scontare quattro anni

LeccePrima è in caricamento