Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Peculato, noto medico leccese sarà giudicato in abbreviato

Si aprirà ad ottobre il processo nei riguardi di Maurizio Muratore. Per l'accusa, incassò 500 euro dai pazienti visitati in intra moenia senza versare il corrispettivo alla Asl

LECCE - E' finito al banco degli imputati per 500 euro. Perché è questa la somma che, secondo l'accusa, il noto reumatologo leccese Maurizio Muratore, 64 anni, avrebbe ricevuto dai pazienti visitati in intra moenia, senza versare la percentuale spettante alla Asl. Ieri, il professionista ha chiesto e ottenuto (attraverso gli avvocati Pasquale e Giuseppe Corleto) di essere giudicato col rito abbreviato che si aprirà l'11 ottobre dinanzi al gup (giudice per l'udienza preliminare) Cinzia Vergine.

Il reato dal quale dovrà difendersi è peculato, così come aveva confermato il gip Alcide Maritati nel provvedimento con il quale aveva respinto l'istanza di archiviazione formulata dal procuratore Cataldo Motta, basata sul presupposto che il reato fosse quello di appropriazione indebita (in quanto compiuta dal professionista non nelle vesti di medico dell’Asl, ma di libero professionista), per il quale non si sarebbe potuto procedere per difetto di querela.

Secondo il giudice Maritati, invece, l'accusa di peculato era fondata, e anche nell'ipotesi in cui il reato fosse stato quello di appropriazione indebita si sarebbe potuto procedere anche senza querela, essendoci l'aggravante della prestazione d'opera. Tant'è che il gip aveva imposto al pubblico ministero Paola Guglielmi (titolare del fascicolo) di formulare la richiesta di rinvio a giudizio nei riguardi di Muratore.

A dare il via all'inchiesta fu l'esposto, nel giugno 2014, di una vigilessa di Brindisi con la quale il medico aveva fissato una visita presso l’ambulatorio del polo riabilitativo di San Cesario dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Gli accertamenti svolti dal Nas dei carabinieri di Lecce avrebbero dimostrato che quello della vigilessa non fosse un caso isolato, ma che altri pazienti sarebbero stati trattati allo stesso modo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peculato, noto medico leccese sarà giudicato in abbreviato

LeccePrima è in caricamento