Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Per sottrarsi al Tso minaccia di lanciarsi dal terrazzo, salvato dai carabinieri

Un appuntato si è lanciato verso di lui, riuscendo ad afferrarlo per le caviglie mentre si stava per lanciare nel vuoto

LECCE – Pur di evitare di sottoporsi a un Tso (Trattamento sanitario obbligatorio) disposto dalla Asl, si è barricato sul terrazzo della propria abitazione, minacciando di buttarsi. A salvargli la vita è stato l’intervento, tanto tempestivo quanto provvidenziale, di un appuntato scelto dei carabinieri di Sannicola. E’ accaduto in mattinata, poco dopo le 12.30, a Tuglie. I militari dell’Arma, intervenuti a supporto del personale sanitario, hanno tentato di far desistere l’uomo, un 39enne in cura presso il Cim (centro igiene mentale) di Gallipoli, dai suoi propositi suicidi.

Mentre i colleghi cercavano di negoziare con il 39enne, l’appuntato ha raggiunto il terrazzo con un vigile del fuoco di Gallipoli, e dopo aver forzato la porta d’accesso, si è lanciato verso di lui, riuscendo ad afferrarlo per le caviglie mentre si stava per lanciare nel vuoto, riportando alcune ecchimosi alla fronte e alla mano. Dopo essere stato messo in salvo, il 39enne è stato affidato agli operatori sanitari, che hanno eseguito il Tso. Il comandante provinciale dei carabinieri di lecce, il colonnello Giampaolo Zanchi, si è subito congratulato con il carabiniere che, con il suo provvidenziale intervento, ha salvato la vita dell’uomo, scongiurando il peggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per sottrarsi al Tso minaccia di lanciarsi dal terrazzo, salvato dai carabinieri

LeccePrima è in caricamento