Percosse alla compagna: “Dammi i soldi o brucio l’auto”. Finisce in cella

A Copertino i carabinieri hanno arrestato un 33enne. Aveva già cosparso il veicolo della malcapitata di liquido infiammabile

COPERTINO – “Dammi i soldi o brucio l’auto”. Il liquido infiammabile l’aveva già cosparso, ma, per fortuna, sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno bloccato un 33enne, evitando che desse realmente seguito alla minaccia. È successo a Copertino nella serata di ieri. A fermare l’uomo, che aveva preso di mira la sua compagna, i militari della tenenza locale. L’uomo risponde di maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

È stata una telefonata al 112, giunta alla sala operativa di Gallipoli, a instradare i carabinieri copertinesi sul luogo in cui si rischiava di consumare un dramma. Arrivati sul posto, i carabinieri hanno trovato l’uomo in stato di alterazione, a seguito di una lite con la convivente, aggredita fisicamente per ottenere del denaro, per poi cospargere di benzina l’auto. L’intento, darle fuoco se non avesse consegnato altri soldi. La donna è stata soccorsa e il 33enne, sentito il magistrato di turno, arrestato e condotto in carcere.

A Ugento, invece, i carabinieri della stazione locale, hanno dato seguito a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari, a carico di un uomo ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia nei confronti della madre. Anche per lui si sono aperte le porte del carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento