"Picchiato e rapinato di cellulare e bracciali": denuncia di un insegnante

Il fatto si è consumato a Bari. La polizia sta indagando sui contorni della vicenda. L'uomo è leccese, ma abita a Modugno

BARI – Sarebbe stato avvicinato con una scusa da due stranieri nei pressi di un supermercato, per poi essere condotto in un casolare che sorge nelle vicinanze e, qui, rapinato del suo cellulare e di alcuni braccialetti. La disavventura sarebbe capitata a un insegnante leccese, domiciliato a Modugno, nei pressi del Ponte Adriatico, moderna cerniera fra periferia e centro di Bari.  

Sul caso sono in corso accertamenti della squadra mobile della questura di Bari. Stando a una versione rilasciata dall’uomo, sarebbe stato malmenato, subendo alcuni pugni in pieno volto, tanto da subire contusioni alle labbra e agli occhi, perdendo anche i suoi occhiali da vista. L’episodio è stato denunciato alla polizia che, quindi, sta svolgendo accertamenti sui contorni dell’episodio.

Da BariToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Scuola, in arrivo una nuova ordinanza: Ddi al 100 per cento per una settimana

Torna su
LeccePrima è in caricamento