Cronaca

Pioggia e vento si scatenano ancora sul Salento: allagamenti e danni

Nel pomeriggio una breve ma intensa perturbazione ha provocato anche cadute di alberi. Ma non ci sono state grosse criticità

Foto LC.

LECCE – Breve, ma intenso. Il temporale che si è abbattuto nel pomeriggio di oggi sul Salento ha provocato il solito corollario di danni diffusi. Non certo la peggiore precipitazione degli ultimi tempi, questo è poco ma sicuro, e tuttavia di un’intensità tale da comportare allagamenti e cadute di alberi. Sintomatico di questo momento storico di cambiamenti climatici drastici, con temperature e condizioni ambientali sempre più di tipo tropicale al quale diversi esperti dicono che bisogna in qualche modo abituarsi da qui in avanti.

Il bollettino meteo diffuso ieri pomeriggio poco dopo le 16 di pomeriggio, con allerta gialla e validità per le 16 ore successive, prevedeva “precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Puglia settentrionale, con quantitativi cumulati puntualmente moderati; precipitazioni da isolate a sparse anche a carattere di rovescio o temporale, sulle restanti zone della Puglia, con quantitativi cumulati generalmente deboli”.

Deboli, sarà. Sta di fatto che il forte vento sollevatosi in alcune zone (specie costiere) e che ha accompagnato la perturbazione ha fatto il suo. Lo sanno bene, per esempio, a Torre Pali (cui si riferiscono le foto dell'articolo, Ndr), dove i bagnanti, a un certo punto, sono stati accolti da ombrelloni e sedie a sdraio volanti (alcune attrezzature sono finite in mare). Stessa sorte dicasi per tavolini e attrezzature dei bar. Situazioni più critiche, sul fronte degli allagamenti, si sono avute nella marina di Casalabate, nell’area di Melendugno, e nell’immancabile Baia Verde di Gallipoli, dove le segnalazioni dei residenti sono ormai costanti, a ogni accenno di pioggia. Diverse le telefonate di soccorso ai vigili del fuoco.

Ieri, invece, un cambio repentino delle correnti ha portato un vero e proprio scompiglio fra Pescoluse e Posto Vecchio, dove gran lavoro hanno avuto bagnini, guardia costiera, croce rossa e volenterosi improvvisati per tirare fuori dal mare chi si era avventurato un po’ troppo oltre, rischiando seriamente l’annegamento. E anche oggi il 1530, numero d’emergenza, è stato assediato da richieste di assistenza, specie a natanti, tutte però fortunatamente risolte senza particolari risvolti. Domani la situazione meteo dovrebbe comunque volgere al meglio, fatte salve le prime ore della giornata.   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioggia e vento si scatenano ancora sul Salento: allagamenti e danni

LeccePrima è in caricamento