menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo il maxi-sequestro in casa dell’uomo anche altra droga e due pistole

Ieri a Poggiardo il fermo di due stranieri. In casa del 35enne, a Firenze, trovati anche altro stupefacente, armi e cartucce

FIRENZE – Non solo un furgone stipato all’inverosimile di marijuana e hashish, ma anche altra droga e persino due pistole. C’è un seguito nella vicenda scoperta ieri, che ha portato al sequestro, avvenuto a Poggiardo, di 63,6 chilogrammi di hashish e 265,1 di marijuana, con l’arresto di due stranieri residenti in Toscana eseguita dai carabinieri della Sezione radiomobile di Maglie.

A Firenze, infatti, nel quartiere Campo di Marte, dov’è domiciliato Spiro Petro, 35enne albanese, i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Firenze e del Nucleo cinofili, d’intesa con i colleghi magliesi, hanno scoperto e sequestrato altri 8 chilogrammi e mezzo di hashish, 30 grammi di marijuana, 4,5 grammi di cocaina e varia sostanza da taglio.

La perquisizione nelle abitazioni di entrambi sono state, ovviamente, inevitabili, dopo il sequestro del grosso carico. E c’è di più. L’uomo aveva anche due pistole, un revolver Colt calibro 38 con 34 cartucce e una pistola scacciacani calibro 8 modificata. La droga era stipata nel ripostiglio, nascosta in alcuni sacchetti per la spesa, mentre le armi erano nei cassetti della cucina.

Il possesso di altro stupefacente sembra suggerire che, almeno Spiro Petro, arrestato ieri nel Salento con Ganna Chaplygina, 24enne ucraina, anche lei domiciliata a Firenze, possa avere fatto viaggi come “corriere” della droga anche in altre occasioni. Ovviamente, solo ipotesi, ma è chiaro che la pista investigativa sembra quella classica, già solcata in altre occasioni. In provincia di Lecce i due potrebbero aver prelevato un carico di recente arrivato via mare, dalle sponde dell’Albania e destinato ad altre zone d’Italia. Dietro dovrebbe esservi quindi un’organizzazione ben più vasta.

Ieri, i due, che non hanno certo inteso spiegare perché fossero nel Salento, sono stati bloccati e controllati dai militari della Sezione radiomobile di Maglie, insospettiti dal fatto di aver notato nel parcheggio di un centro commerciale di Poggiardo un furgone preso a noleggio e fermo per tutta la mattinata nello stesso punto. E l’ispezione del veicolo ha portato alla scoperta dell’enorme quantitativo di stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Auto e moto

    Cambio gomme invernali: date e normativa per il 2021

  • Cura della persona

    Manicure semipermanente fai da te senza l’uso della lampada

  • Cucina

    Cavolo verza stufato da preparare in primavera

  • Cucina

    Trippa alla pugliese, oggi pranziamo così

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento