Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Nota stonata per il ladro di strumenti: acciuffato. Ma in un bar rubate tutte le slot

A Poggiardo i carabinieri hanno sorpreso un 36enne di Andrano dopo aver rubato strumenti musicali di un maestro per un valore di circa 25mila euro. Ma a Galatina s'indaga su una scaltra banda che ha tagliato la saracinesca di un Internet Cafè, fuggendo con tre slot e la macchina cambia soldi

LECCE – Quanto sono poco originali i ladri che la scorsa notte hanno rubato slot-machine dal bar Internet Cafè di via Alcide De Gasperi, a Galatina.

Ad ammaliare le dita del cronista in cerca sempre di qualcosa di nuovo da ribattere sulla tastiera, ci ha pensato dunque Andrea Panico, 36enne di Andrano, che si è lanciato verso un settore quasi inedito: quello degli strumenti musicali. E il furto gli era riuscito pure piuttosto bene, se non fosse stato acciuffato dai carabinieri della compagnia di Maglie, che dal furgone hanno estratto un po’ di tutto, fra cui quattro sousafoni (da non confondere con i sassofoni) e una gran cassa, per un valore di circa 25mila euro.

Panico, verso le 16, è riuscito a introdursi in un garage di Poggiardo, portando via molti strumenti musicali, di proprietà di un maestro di banda del posto. La vittima, che – inutile dirlo - ha l’orecchio ben esercitato, ha udito strani rumori provenire dal garage. Non note stonate, ma proprio quelli che sembravano suoni di scasso. E’ uscito subito da casa ed ha fatto a tempo a notare un furgone allontanarsi a forte velocità.

arresto maglie 23 lug 14-2Ha segnalato il fatto ai carabinieri che, lavorando sui dati parziali della targa e sulle immagini di alcune telecamere disseminate in zona, grazie anche alla collaborazione dei militari della stazione di Spongano, sono riusciti a individuare il presunto autore del furto. 

Le ricerche hanno permesso di scovare anche il deposito dov’era nascosta la refurtiva. Su disposizione del pubblico ministero di turno, Antonio Negro, l’uomo è stato sottoposto ai domiciliari. Come dire: la vittima non s'è fatta prendere dal panico e così i carabinieri hanno preso Panico.

Ma, come detto, un altro episodio è avvenuto a Galatina, dove, intorno alle 3,15 del mattino di oggi, gli agenti di polizia del commissariato locale sono intervenuti su richiesta di un cittadino in via De Gasperi, presso il già citato bar. L'azione stava sfilando proprio davanti ai suoi occhi. Alcune persone travisate, dopo aver tagliato con una flessibile la saracinesca, erano intente a suo dire a portare via alcune slot.

Sul posto gli agenti hanno accertato che poco prima quattro malviventi con passamontagna, dopo aver tagliato la saracinesca dell’esercizio commerciale, avevano caricato la refurtiva su di un furgone di colore arancione alcune slot-machine.

Con il furgone (rubato nelle vicinanze), e un’autovettura di scorta (di cui però il testimone non è stato in grado di notare il modello), la banda si era quindi allontanata in fretta verso Noha e Aradeo.

Il locale si è presentato con una parte della saracinesca abbassata per terra e quella superiore tagliata per intero in senso orizzontale. I tavolini erano stati messi a soqquadro, per farsi spazio. Al momento della denuncia, il titolare ha riferito che il furto riguiarda tre slot-machine e un apparecchio cambiamonete. Il danno preciso è però da quantificare. La scientifica ha proceduto ai rilievi. Nel corso del tardo pomeriggio, infine, il furgone e le stesse slot sottratte dal bar, sono stati rinvenuti dagli stessi agenti in una campagna di Sogliano Cavour, e recuperati per essere poi restitutiti agli aventi diritto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nota stonata per il ladro di strumenti: acciuffato. Ma in un bar rubate tutte le slot

LeccePrima è in caricamento