rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Polizia locale al fianco degli anziani: un numero dedicato per sventare le truffe

Dal 3 novembre un numero telefonico - 0832 230055 - per fornire assistenza e, se necessario, pronto intervento ai possibili bersagli di raggiri. Il Comune ha prodotto tre video spot, previsti anche punti di ascolto

LECCE - Dal 3 novembre e fino alla prossima estate la polizia locale di Lecce dedicherà una serie di iniziative per supportare la popolazione anziana della città, quella che con sempre maggiore facilità finisce nel mirino di truffe e raggiri. 

Si chiama "Siate accorti!" la campagna, finanziata con 35mila euro dal ministero dell'Interno, presentata questa mattina presso il Must (Museo storico della Città di Lecce), alla presenza del sindaco, Carlo Salvemini, dell'assessora al Welfare, Silvia Miglietta e del comandante del corpo, Donato Zacheo. A introdurre la conferenza il maresciallo Luisella Gallucci, responsabile del progetto. 

Sono oltre 25mila i cittadini over 65 e dunque la platea dei beneficiari è già molto ampia, ma la mobilitazione in realtà si rivolge a tutti perché le truffe sono sempre più articolate e sofisticate: "Noi ci impegneremo molto soprattutto nella comunicazione – ha dichiarato il comandante della polizia locale – perché, grazie alla comunicazione, le persone particolarmente fragili si possono 'immunizzare' dai rischi di questo tipo. Siate Accorti è un progetto che finirà ad agosto ma, sperando di aver creato questa diffusa rete di informazione, vogliamo che questa attività di prevenzione e contrasto alle truffe agli anziani continui con le forze a nostra disposizione".

Per offrire un buon servizio è prevista la formazione specifica di personale della polizia locale, sia dal punto di vista giuridico, sia da quello psicologico e sociologico, allo scopo di riconoscere le fattispecie di reato e di costruire un dialogo rassicurante e collaborativo con le vittime. Dal 3 novembre, infatti, sarà possibile telefonare al numero dedicato 0832 230055 per avere assistenza dagli agenti ed, eventualmente, un intervento tempestivo. 

Il Comune ha prodotto tre video spot, con la partecipazione dei coniugi Mazzotta e di un testimonial come Massimo Cannoletta, divulgatore storico, artistico e culturale noto al pubblico televisivo per le sue imprese nel programma "L'Eredità" e per la sua presenza in numerose altre trasmissioni. Le clip, che saranno diffuse sui canali social di Palazzo Carafa, raccontano alcune scene tipiche delle truffe ai danni degli anziani, con le visite a domicilio di presunti addetti che si presentano con i più vari espedienti per estorcere somme di denaro. Tuttavia, grazie al ricorso al numero gratuito, il cittadino riesce a sottrarsi al tentativo. 

Il progetto "Siate accorti!" prevede anche l’attivazione nei fine settimana di 14 punti di informazione e ascolto, sempre della polizia locale e del settore Welfare, posizionati nelle piazze cittadine, presso le parrocchie o luoghi d’interesse. Sarà distribuito materiale informativo anche in luoghi ad alta frequentazione degli utenti in uffici pubblici, nei centri sociali, negli ospedali. Il progetto prevede, inoltre, tre incontri pubblici tematici. Alla realizzazione della campagna hanno contribuito Psifia cooperativa sociale e Francesco Correra, vice questore in quiescenza della polizia di Stato, che ha prestato la propria consulenza gratuita come esperto delle varie forme in cui si concretizza il reato di truffa.

"Ringrazio quanti si sono offerti gratuitamente per la realizzazione di questa campagna a cominciare dal testimonial Massimo Cannoletta e dalla famiglia Mazzotta – ha detto in chiusura di conferenza il sindaco – che si è prestata come protagonista degli spot per proseguire poi con Psifia e Francesco Correra che hanno dato il supporto ai fini della formazione del personale coinvolto. Ora si tratta di garantire questa attività di comunicazione, divulgazione e informazione al fine di rafforzare gli strumenti di consapevolezza da parte della popolazione anziana e non solo. Sappiamo che un atteggiamento di benevola disponibilità nei confronti del prossimo può esporre a rischi di malintenzionati anche chi ha meno di 65 anni. È bene, quindi, che tutti conoscano questo numero dedicato e lo inseriscano in rubrica fra i preferiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia locale al fianco degli anziani: un numero dedicato per sventare le truffe

LeccePrima è in caricamento