Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Leuca / Viale Otranto

Poliziotto ruba arma dalla questura e la vende a un pregiudicato: arrestati entrambi

Sono finiti in carcere, nelle ultime ore, Pietro Paolo De Dominicis e Domenico Cennamo. E' accaduto tutto a seguito di un controllo all'interno dell'armeria di viale Otranto

Gli uffici della questura di Lecce

MERINE (Lizzanello) – Un pregiudicato di Merine, Pietro Paolo De Dominicis, 52enne con precedenti legati allo spaccio di stupefacenti,  e un poliziotto in servizio presso la questura di Lecce, Domenico Cennamo,  finiscono in carcere. Il primo a seguito dell’arresto disposto dagli agenti della squadra mobile, il secondo per un fermo. Il filo conduttore che congiunge i due individui è un’arma da guerra: quella scomparsa misteriosamente dall’armeria della questura, in viale Otranto, e spuntata nell’appartamento della frazione di Lizzanello.

L’indagine lampo ha avuto inizio durante ordinari controlli che, nella mattinata di ieri, sono stati eseguiti presso l’armeria della di viale Otranto. Durante le verifiche, il personale ha notato  la  mancanza di un’arma di reparto. Gli accertamenti, attivati immediatamente, hanno consentito di accertare che non poteva trattarsi di un errore: la pistola mancante poteva essere stata prelevata soltanto da qualcuno “interno” all’organigramma, con la possibilità duque di accedere a un’area altrimenti riservata. Le indagini,  avviate negli istanti successivi alla scoperta dell’ammanco, hanno portato a restringere il campo di azione, facendo convergere tutte le ipotesi indiziarie su un poliziotto in servizio presso la questura del capoluogo salentino.

Immediatamente sottoposto ad un serrato interrogatorio, durante il quale è stato posto dinnanzi alle evidenze investigative, l’agente ha ammesso di essersi impossessato dell’arma per cederla ad un pregiudicato locale. Gli agenti della squadra mobile, dopo aver individuato il 52enne, la sua abitazione e i luoghi abitualmente frequentati, hanno fatto scattare una perquiszione nella quale è emersa la conferma dei sospetti: l’arma sottratta si trovava effettivamente lì.

P.Paolo-De-Dominicis-2De Dominicis (in foto) è stato arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. Il poliziotto è stato invece sottoposto al fermo di polizia giudiziaria, non essendoci la flagranza di reato, disposto dal pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce. Per lui, anche un provvedimento di sospensione dal servizio Le indagini della magistratura  proseguiranno per fare luce su ogni dettaglio oscuro  e definire i contorni della vicenda.

“E’ un episodio di estrema gravità- ha affermato il questore D’Angelo -che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente enucleando e neutralizzando chi si è posto al di fuori delle regole, tradendo il giuramento prestato ed i suoi principi, quei principi che tutti gli altri poliziotti osservano quotidianamente con grande sacrificio ponendosi  al servizio  della giustizia e dei cittadini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poliziotto ruba arma dalla questura e la vende a un pregiudicato: arrestati entrambi

LeccePrima è in caricamento