“Scogliera devastata”. Porto Cesareo, la denuncia di un consigliere comunale

Stefano My, di Cambiare rotta, ha inoltrato materiale video e fotografico alle autorità per fare chiarezza su un episodio di oggi

PORTO CESAREO – I motivi della frantumazione sono ignoti e nelle prossime ore sarà formalizzata una denuncia per fare luce. Di certo, difficile, sfiorando quasi l’assurdo, che ci potesse essere qualche specifica autorizzazione. L’attività, insomma, si presume del tutto illecita.

Un vero e proprio deturpamento, scoperto questa mattina da Stefano My, consigliere comunale della lista Cambiare rotta, facente parte della minoranza presso il Consiglio comunale di Porto Cesareo. Una distruzione in atto presso la spiaggetta del centro storico. Per comprendere il punto, come riferimento, il tratto di litorale di fronte al Grand Hotel Paradise.

Qui, il consigliere ha notato uomo che gli è parso particolarmente preso da un’attività: la rottura di scogli adiacenti alla spiaggia. Una ragione personale? Agiva per conto di qualcuno? Per ora, non ci sono risposte. Dell’attività sospetta, My ha informato i carabinieri, l’ufficio locale della Capitaneria di porto e il personale dell’Area marina protetta di Porto Cesareo, che ha preso a cuore il caso.

Sono state raccolte prove fotografiche e video. Gli esponenti del gruppo politico-consiliare hanno condiviso la decisione di My. E ora si richiedono maggiori controlli, specie in questo periodo preparatorio all’estate 2020, così particolare, per via dell’emergenza in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Parte un colpo mentre pulisce l’arma: ferita la fidanzata, indagato 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento