Rubano dentro l'auto di un turista, ma vengono inseguiti e subito fermati

I due uomini stavano tentando di fuggire con uno zaino pieno di oggetti. Trovati anche arnesi da scasso e centraline modificate

PORTO CESAREO – Rubano dentro l’auto di un turista, ma incrociano una pattuglia dei carabinieri che li blocca. E finiscono in arresto. E’ successo ieri, in località Punta Prosciutto, nei pressi di Porto Cesareo. Nei guai sono finiti Massimiliano Chimienti, di 42 anni, e Vincenzo Allegretti, di 46, entrambi noti alle forze dell’ordine. Rispondono di furto aggravato in concorso e possesso di  grimaldelli e chiavi alterate. 

Sono stati alcuni militari della stazione cesarina, durante un servizio di prevenzione (inutile dire che in estate, viste le presenze turistiche, aumentano i furti), a bloccare i due che, pochi minuti prima, erano stati notati nell’atto di forzare la portiera di un’autovettura Lancia Y. Il veicolo, in uso a un brasiliano in vacanza nella zona. 

Quando hanno visto i carabinieri, i due hanno tentato di darsi alla fuga bordo di un’Alfa Romeo, per essere però subito fermati. Durante le perquisizione dell’Alfa, i militari hanno ritrovato uno zaino contente una macchina fotografica più altri oggetti del turista brasiliano, per un valore di circa mille e 500 euro. Non solo. I carabinieri hanno trovato anche una centralina elettronica per auto, modificata, attrezzi per lo scasso e per il furto di autoveicoli, che sono stati sequestrati. La refurtiva è stata restituita al proprietario. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento