Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Porto Cesareo

Per sfuggire al controllo urta altri veicoli: l'inseguimento fino a Manduria

Tutto è nato a Porto Cesareo. I carabinieri hanno tallonato una Focus fino alla provincia limitrofa. E alla fine, un 64enne ha rotto la sua Focus ed è stato preso

MANDURIA – Resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento: sono i reati per i quali i carabinieri della stazione di Porto Cesareo, in collaborazione con la compagnia di Manduria, ha arrestato Euprepio Scialpi, 64enne, residente nella cittadina in provincia di Taranto.

Tutto è iniziato attorno alle 14,30 di ieri, quando una pattuglia della stazione di Porto Cesareo, passando verso Punta Prosciutto, per un servizio di controllo del territorio, ha incrociato l’uomo a bordo di una Ford Focus station wagon. Quando ha visto i militari, Scialpi, ha iniziato ad allontanarsi rapidamente. Atteggiamento più che sospetto, tanto che i carabinieri hanno iniziato a inseguirlo. Scialpi, piuttosto che fermarsi, avrebbe continuato nella sua corsa, varcando il confine della provincia di lecce ed entrando in quella di Taranto.

Scialpi Euprepio-2L’inseguimento è proseguito fino a Manduria, dove Scialpi risiede, e nel frattempo si sono uniti ai militari di Porto Cesareo, anche quelli della compagnia di Manduria. L’inseguimento è terminato in aperta campagna, in contrada “Scorpora”, a causa della rottura del veicolo. A quel punto, Scialpi è stato bloccato. E’ finito nel carcere di Taranto.

Il reato di danneggiamento è stato contestato perché, nella sua fuga dai carabinieri, ha urtato anche alcuni veicoli. Resta oscuro il motivo della fuga. A bordo non c'era nulla di particolare, l'auto era di sua proprietà e non rubata, dal finestrino non sembra che sia stato lanciato nulla di sospetto. Insomma, gli stessi carabinieri sono rimasti stupiti dalla reazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per sfuggire al controllo urta altri veicoli: l'inseguimento fino a Manduria

LeccePrima è in caricamento