Cronaca Porto Cesareo

Forti raffiche di vento, kitesurfer 55enne vola sulle dune: in codice giallo

Paura questa mattina a Torre Chianca, marina di Porto Cesareo. L'uomo trasportato dagli operatori del 118 al "Vito Fazzi" di Lecce

I soccorritori sul posto.

PORTO CESAREO – Tragedia sfiorata, a metà mattinata circa, in località Torre Chianca, marina di Porto Cesareo, non lontano da Lido Belevedere. Il forte vento di scirocco, oggi, con raffiche improvvise fino a 32 nodi e oltre, ha sicuramente invogliato gli amanti di uno sport impegnativo come il kitesurf a spingersi nelle acque ancora fredde di questo primo scorcio di febbraio.

Ma la vela di uno di loro, un 55enne marchigiano, all’improvviso deve aver colto una sventagliata d’aria particolarmente violenta, fino a finire fuori dal mare. Il kitesurfer è andato così a schiantarsi sulla riva, fra scogliera, dune e macchia mediterranea, riportando alcune lesioni. E bene gli è andata, perché nelle vicinanze c’erano alcuni pilastri di cemento.

Subito sono stati richiesti soccorsi. Sul posto sono arrivati gli operatori del 118 e, per gli accertamenti, i militari della guardia costiera dell’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea. In zona sono arrivati anche i carabinieri del Norm di Campi Salentina.

L’uomo è stato trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce con codice giallo, per tutti gli accertamenti del caso, ma le condizioni sono meno gravi di quanto temuto in un primo momento. Ha riportato un trauma cranico commotivo, con una ferita lacero contusa sulla parte posteriore della testa e una sospetta frattura all'omero sinistro. 

Ma il vento di oggi, ha provocato scompiglio ovunque, in provincia, tanto che si sono registrati decine di interventi dei vigili del fuoco, con tutte le squadre impegnate per cartelloni pericolanti, e alberi e pali caduti (ne riferiamo a parte, Ndr).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forti raffiche di vento, kitesurfer 55enne vola sulle dune: in codice giallo

LeccePrima è in caricamento