Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Accerchiato da tre forse per rapina. Indagini su di un misterioso episodio

I carabinieri della compagnia di Campi Salentina stanno cercando di fare luce su una vicenda avvenuta alle prime ore del mattino di domenica, dopo la chiusura del ristorante "I Tarocchi" di Pittuini. La vittima sarebbe il figlio del titolare. Ancora però i contorni non sono del tutto chiari

La stazione dei carabinieri di Porto Cesarero.

PORTO CESAREO – I carabinieri della compagnia di Campi Salentina hanno aperto un’indagine per comprendere la dinamica di un misterioso episodio che si sarebbe consumato alle primissime ore del giorno di domenica. Al momento, infatti, non è stata depositata una denuncia e quindi la vicenda non è del tutto chiara, né confermata in alcuni fondamentali dettagli.

La vittima di una rapina - o forse di un'aggressione - sarebbe Riccardo Nestola, leveranese, figlio di Antonio Nestola, titolare del noto ristorante “I Tarocchi” di località Pittuini, agro di Nardò, una contrada di campagna quasi all’ingresso di Porto Cesareo. E’ su questa pista che si stanno muovendo gli investigatori.

Stando a quanto appreso al momento, il giovane sarebbe stato affrontato da tre persone con i volti coperti all’esterno del ristorante, che aveva ormai chiuso i battenti. Uno dei malviventi sarebbe stato armato di una pistola. Tutto per fare bottino, forse. Qualche migliaio di euro. I soldi del sabato sera. I tre si sarebbero poi dileguati in’utilitaria.

I carabinieri, che hanno appreso della vicenda solo questa mattina, non hanno però ancora un quadro ben preciso di quanto accaduto. Per il ristorante non sarebbe comunque il primo atto subito da parte di criminali. Verso la fine del febbraio del 2009 ignoti esplosero contro insegna e finestra del bagno colpi di fucile. Anche in quell’occasione l’attività era chiusa. Gli esecutori di quell’intimidazione non sono mai stati scoperti.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accerchiato da tre forse per rapina. Indagini su di un misterioso episodio

LeccePrima è in caricamento