Batte con violenza fra collo e schiena sul fondale basso, 22enne in codice rosso

E' successo nel pomeriggio a Porto Cesareo. Intervento del 118. Forse una maldestra capriola all'origine. E' andato in arresto respiratorio e cardiaco

Il luogo in cui è avvenuto l'incidente.

PORTO CESAREO – Attimi di forte tensione attorno alle 16 di oggi a Porto Cesareo, in un tratto di spiaggia di fronte allo stabilimento Le Dune, quando un giovane, L.S., 22enne originario di Monteroni di Lecce, forse a causa di una maldestra capriola in un punto un cui l’acqua non è più alta di 30 centimetri, ha battuto con violenza sul fondale sabbioso fra collo e schiena. La dinamica precisa è da verificare, ma di certo, l’impatto è stato molto violento.

Il giovane si trovava con alcuni amici ed è subito salita l’agitazione, perché è rimasto completamente inerte. Intorno in tanti sono accorsi per prestare soccorso e fra questi c’era anche un infermiere del 118 di Lecce che si trovava in zona libero dal servizio. E’ stato, quindi, fra i primi a dare supporto, usando anche il defibrillatore dello stabilimento, mentre intorno, personale del lido e altri bagnanti, hanno creato una sorta di zona cuscinetto per agevolare l’intervento, usando le  sdraio.

Il 22enne è andato prima in arresto respiratorio, poi cardiaco. Gli è stato praticato il massaggio e, quando è arriva la prima ambulanza disponibile, da Nardò (quella teoricamente più vicina, a Sant’Isidoro, era fuori per il trasporto di un altro paziente), seguita dal medico, da Copertino, il giovane è stato intubato. Il cuore ha ripreso a battere, ma per tutto il tempo il 22enne è rimasto in stato d’incoscienza, non rispondendo agli stimoli.

L’ambulanza è ripartita in codice rosso verso il pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce. Qui dovrà essere sottoposto a una serie di accertamenti, considerando la delicatezza del punto del corpo in cui ha urtato, e visto che si sospetta la frattura di alcune vertebre cervicali. Tutto questo, mentre si dovrà anche ricostruire meglio l’accaduto, visto che non era da solo che stava sostanzialmente giocando in acqua con diversi altri amici, quando s'è verificato il terribile incidente.

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

  • Morto Giovanni Semeraro, il patron che ha portato il Lecce dentro il calcio moderno

  • Due incidenti: un 18enne in codice rosso e una giovane incinta al "Fazzi"

Torna su
LeccePrima è in caricamento