Botte da orbi all'esterno del locale, in tre finiscono in ospedale

E' successo poco prima dell'alba di domenica a Gallipoli, sul lungomare, all'esterno del Praja. I giovani sono poco più che ventenni di Leverano. Da identificare i due contendenti. Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia

GALLIPOLI – Botte da orbi poco prima dell’alba di domenica sul lungomare San Giovanni di Gallipoli, in località Baia Verde. Ad avere la peggio sono stati tre giovani di Leverano, tutti fra i 21 e 22 anni, che avevano deciso di trascorrere il sabato notte nella Città Bella, per l’inaugurazione della stagione estiva del Praja.

Ma attorno alle 5,30 del mattino, sul lungomare, proprio all’esterno del locale (ormai a casse spente da almeno mezzora e dopo una serata svoltasi in modo traquillo), è nato un acceso diverso fra i tre ragazzi di Leverano e altri giovani – due in particolare -, al momento non ancora identificati e che quindi non è chiaro se siano gallipolini o di altre località. Di certo, fra i cinque le scintille si sono trasformate in “dati di fatto”. Ovvero, sono volati calci e pugni, al punto che per i tre ragazzi è stato necessario il trasporto in ospedale.

Presso il “Sacro Cuore” di Gallipoli sono stati visitati, riportando prognosi al di sotto dei venti giorni. Nessuno, dunque, è particolarmente grave, pur avendo subito varie lesioni. Sulla vicenda sono poi intervenuti, per approfondimenti, i carabinieri della compagnia locale. I tre sono stati sentitii sommariamente. Avrebbero fornito una descrizione a grandi linee di uno dei due avversari. Non avrebbero però, almeno per il momento, manifestato volontà di sporgere denuncia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari, d’altro canto, stanno proseguendo le indagini, anche con la visione delle videocamere per sviscerare meglio la vicenda nel dettaglio. Anche perché movente e fasi della storia ancora non sono del tutto chiari e quindi bisogna capire se inquadrare il caso come un’aggressione subita dai tre o una rissa, reato, quest’ultimo, del quale risponderebbero anche loro in concorso.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento