Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Precariato a ritmo di rock nella lunga Notte Rossa

Torna la seconda edizione della manifestazione di Botrugno, che unisce la riflessione sui temi del lavoro con la musica e la degustazione: ospite l'ex voce dei Modena City Ramblers, Cisco Bellotti

SDC12863

BOTRUGNO - Una notte piena di musica e buon vino, di discussioni sull'Italia, sul Salento, sulla precarietà dei giovani e sulle prospettive per i prossimi anni: a Botrugno si colora di rosso, per indicare passione per la società e per la "buona politica", per una musica che lasci messaggi di rabbia e denuncia per le ingiustizie, ma anche di speranza. Il tutto dentro la cornice dei sapori di questa terra da gustare magari con una fresca birra alla spina.

Già, perché dopo il successo di partecipazione dello scorso anno, le ragazze ed i ragazzi della locale "Fabbrica di Nichi" ripropongono sempre nella serata del 18 agosto la seconda edizione della "Notte Rossa", con un titolo che la dice tutta su quale sia il messaggio da lanciare nel bel mezzo dell'estate salentina: "L'Italia è una Repubblica fondata sul precariato!".

Si parte alle ore 20 con l'apertura degli stand gastronomici e della spillatura di birre alla spina, con un mercatino etnico e con un intrattenimento musicale. Alle 21, sarà la volta di Gianfranco Viesti, docente universitario e Presidente dell'ente Fiera del Levante, che presenterà con la giornalista Tiziana Colluto il proprio libro "Più lavoro, più talenti. Giovani, donne, Sud, le risposte alla crisi". Dopo aver ascoltato l'esperienza di precariato di alcuni giovani di questo territorio, il noto economista esporrà la propria analisi sull'attuale crisi economico-sociale e proporrà una visione sulla possibile strada per uscirne: investire proprio dove oggi ci sono i problemi maggiori, ossia sui giovani, sulle donne, sul Sud.

A seguire, dalle 22 in poi, i concerti gratuiti dei Crifiu, con il loro "rock-in-sud" che mescola sonorità elettriche, tradizionali in una miscellanea di energia e calore, e di Cisco Bellotti, voce storica dei Modena City Ramblers, a ripercorrere oltre ai nuovi lavori i grandi cavalli di battaglia che da generazioni cullano gli ideali ed i sogni rivoluzionari di tantissimi ragazzi; della Dance Hall dei The Dream Fire Project a chiudere la nottata. A Botrugno, il 18 agosto, nella zona Pip, la notte sarà davvero rossa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precariato a ritmo di rock nella lunga Notte Rossa

LeccePrima è in caricamento