Cronaca Gagliano del Capo

Precipita dalla roccia del Ciolo durante una scalata

Tragedia sfiorata a Gagliano. Un 35enne romano, microfonista della troupe che sta girando "Nebbie e delitti" a Otranto, è caduto durante un'esercitazione di free-climbing. Ha riportato varie fratture

La località conosciuta come "Ciolo", in una foto inviataci da un lettore mesi addietro.

S'è sfiorata la tragedia, questo pomeriggio, intorno alle 17, nella zona di Gagliano del Capo. Un 35enne di Roma, Luca Gizzi, è precipitato da un'altezza di circa 6-7 metri (tanto si presume al momento; ulteriori informazioni potrà darle lo stesso malcapitato, quando sarà in grado di parlare con i carabinieri) in località Ciolo, fra le zone più impervie e rocciose del Salento, al punto da essere spesso meta dei vigili del fuoco per esercitazioni specializzate. Gizzi, appassionato di free-climbing, aveva scelto proprio quella zona, probabilmente su indicazione di amici salentini, per tentare una scalata a mani nude. Ma improvvisamente, per motivi ancora da accertare (non si esclude che un pezzo di roccia possa essere franato), mentre si trovava a diversi metri d'altezza, è letteralmente precipitato nel vuoto, senza trovare punti d'appoggio per frenare la caduta e cascando sulle aspre rocce sottostanti.

Fortunatamente l'uomo non ha mai perso conoscenza, anche se nella rovinosa caduta ha rimediato diverse fratture. Il primo a scorgerlo, riverso per terra, è stato un 25enne che si stava recando sugli scogli per una battuta di pesca. La richiesta d'intervento ai vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce è stata smistata al distaccamento di Tricase, che è partita con una squadra per il delicato intervento di recupero. Sul posto anche i carabinieri della stazione di Gagliano ed un'ambulanza del 118. Le operazioni di trasporto non sono state semplici, anche a causa dei forti dolori ravvisati dal 35enne romano, oltre ovviamente che per l'asperità del terreno.

I vigili del fuoco, una volta raggiunto il malcapitato, lo hanno trasportato lungo il ponte che passa proprio sopra al Ciolo, dove ad attenderlo c'era il mezzo dei sanitari, che lo hanno trasportato d'urgenza presso l'ospedale "Panico" di Tricase. Qui l'uomo è stato sottoposto a diversi accertamenti e ad una Tac. Non sono state riscontrate, fortunatamente, lesioni agli organi interni; Luca Gizzi s'è però fratturato il bacino e la quinta vertebra lombare. La prognosi è di 40 giorni, salvo complicazioni.


L'uomo si trova nel Salento per motivi di lavoro. E' impiegato come microfonista presso una ditta che fa parte della troupe ingaggiata per girare ad Otranto una puntata del serial televisivo di Rai2 "Nebbie e delitti", con Luca Barbareschi. Questo pomeriggio s'era recato da solo presso la nota meta turistica nei presso del Capo di Leuca, per sfidarne le rocce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita dalla roccia del Ciolo durante una scalata

LeccePrima è in caricamento