Precursori per l'alcol e maggiore sicurezza, siglato protocollo per le discoteche

Il documento è stato siglato questa mattina nella Sala degli Specchi della prefettura di Lecce tra i rappresentanti istituzionali, forze dell’ordine, e associazioni di imprenditori e operatori turistici

LECCE – Un protocollo d’intesa per far sì che il Salento, una delle mete più ambite e gettonate del turismo, sia sinonimo di divertimento e valori sani, nel pieno e rigoroso rispetto delle regole e della prevenzione e soppressione di ogni forma di condotta illecita. Il documento è stato siglato questa mattina nella Sala degli Specchi della prefettura di Lecce tra i rappresentanti istituzionali, forze dell’ordine, e associazioni di imprenditori e operatori turistici. Il protocollo rappresenta l’evoluzione e l’attuazione della “Carta della notte” del 2015 e del successivo accordo quadro nazionale del giugno 2016.

Tra le maggiori novità introdotte, attraverso il pieno coinvolgimento dei gestori delle discoteche e dei locali notturni delle principali località turistiche del Salento, l’utilizzo all’ingresso di un precursore per rilevare il quantitativo di alcool assunto dagli clienti. In questo modo a chi si presenterà ubriaco non sarà consentito l’accesso e potranno essere informate le forze dell’ordine. Inoltre, oltre al rigoroso rispetto degli orari di chiusura e della capienza consentita, i locali esporranno dei cartelli contro l’uso di droghe. Altro aspetto importante una maggiore illuminazione per aumentare la percezione di sicurezza e l’aumento degli uomini impegnati per l’ordine pubblico, con sistemi sempre più efficienti di videosorveglianza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della firma del protocollo è stata presentata l’operazione “periferie sicure” la ricetta individuata dal Ministero dell'Interno per infondere nei cittadini sicurezza reale e sicurezza percepita attraverso “controlli speciali del territorio”. Con il problema delle periferie sempre più tra i primi punti in agenda, il Viminale ha individuato questa nuova formula di presidio del territorio. Sono controlli interforze a cui prendono parte polizia, carabinieri e guardia di finanza nelle zone contraddistinte da situazioni di irregolarità e degrado, nelle aree mercatali e nei centri storici, dove si verificano fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti, abusivismo commerciale e situazioni di sovraffollamento negli alloggi locati e di illegalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento