Presentato rifacimento virtuale della Grotta dei Cervi

Nel convegno di questa mattina, presentato il progetto in stato avanzato della ricostruzione virtuale della Grotta dei Cervi: ma per portarlo a compimento, c'è la necessità di reperire dei fondi

Relatori-2
OTRANTO - È stato presentato questa mattina nella sala triangolare del Castello aragonese di Otranto il progetto "La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D", avviato nel 2003 dal coordinamento Siba dell'Università del Salento, d'intesa con la Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia, con in collaborazione con il Cnr canadese e il Caspur di Roma. L'idea prevede la ricostruzione tridimensionale e la rappresentazione virtuale di quella che è stata definita dagli esperti la "Cappella Sistina della Preistoria".

Il progetto è in fase avanzata e i risultati sinora raggiunti hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. Sono state già realizzate l'acquisizione digitale 2D e 3D delle pitture parietali e degli ambienti ipogei più significativi, l'elaborazione di una parte dei dati acquisiti, la ricostruzione tridimensionale e la rappresentazione virtuale di una sezione della Grotta (ambiente V) e la sua visualizzazione stereoscopica e interattiva attraverso il teatro virtuale 3D. Il completamento del progetto richiede, tuttavia, ulteriori risorse tecniche e finanziare e l'appuntamento otrantino ha anche il valore di sensibilizzazione nei confronti di un'iniziativa dall'alto profilo culturale.

I lavori di progettazione, acquisizione digitale 2D e 3D, ricostruzione tridimensionale e rappresentazione virtuale della Grotta dei Cervi sono stati sinora effettuati con personale altamente specializzato e fondi messi a disposizione dal Coordinamento Siba dell'Università del Salento (dal 2003 a tutt'oggi), dal Nrc canadese (dal 2004 al 2007) e in gran parte dal Caspur di Roma (dal 2004 a tutt'oggi). L'acquisizione digitale 2D e 3D delle pitture parietali e degli ambienti ipogei, difficilmente accessibili e con un alto tasso di umidità, è stata estremamente complessa ed ha richiesto una strumentazione ad alta tecnologia e adatta all'uso in condizioni ambientali estreme.

Nella campagna 2005 è stato quindi necessario l'utilizzo integrato delle attrezzature hardware e software dei Laboratori 2D e 3D del SIBA e dello scanner 3D laser costruito dal Cnr canadese per applicazioni spaziali della Nasa e modificato ad hoc per il progetto della Grotta e successivamente per la scansione della Gioconda. L'elaborazione dei dati 2D e 3D, la ricostruzione tridimensionale dell'ambiente V dell'ipogeo e la rappresentazione virtuale hanno richiesto un notevole impegno e lo sviluppo di nuove tecnologie. Nella campagna 2009 è stato utilizzato, oltre alle nuove attrezzature hw e sw del Siba, uno scanner 3D laser a tempo di volo, dotato di un ampio campo di vista e in grado di acquisire vaste superfici, acquistato ad hoc dal Caspur di Roma per il progetto della Grotta dei Cervi.

Attualmente sono in corso l'elaborazione dei restanti dati acquisiti ad altissima risoluzione nelle campagne 2005 e 2009 e la ricostruzione tridimensionale di altre sezioni della Grotta. Il problema più grande è legato alle dimensioni e alla risoluzione delle immagini 3D che causano crash nei computer e richiedono un eccessivo tempo di elaborazione: gli strumenti hardware e software attualmente in commercio non consentono infatti di elaborare e visualizzare elevate quantità di dati.
L'attività di ricerca è, quindi, in questo ambito concentrata sullo sviluppo della tecnologia necessaria e sulla creazione di strumenti che consentano di gestire e visualizzare modelli di notevoli dimensioni. Lo sviluppo di tale ricerca è in stato avanzato e i risultati sono già utilizzabili.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La quantità considerevole di dati 2D e 3D acquisiti ad alta risoluzione consentirà la creazione di un modello 3D della Grotta di risoluzione finora mai raggiunta per alcun modello 3D di un sito rupestre o di una grotta. Ciò rappresenterà una pietra miliare per la modellazione di ambienti 3D grandi e complessi e consentirà la fruizione ad altissimo livello di un bene archeologico di notevole rilevanza. La visualizzazione stereoscopica e interattiva del modello, attraverso i teatri virtuali del Siba e del Caspur e attraverso quello virtuale che potrà essere allestito nei sotterranei del Castello di Otranto, consentirà l'esplorazione della Grotta in modo immersivo, suscitando le emozioni e le sensazioni di una visita dal vivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento