Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Pugni contro la moglie e gli agenti di polizia, in manette 40enne

Resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Sono le accuse di cui dovrà rispondere Domenico Mazzotta, 40 anni, di Presicce. Che ieri ha mandato in ospedale la donna e due poliziotti del commissariato di Taurisano

 

PRESICCE – Resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Sono le accuse di cui dovrà rispondere Domenico Mazzotta, 40 anni, di Presicce. Il motivo del suo arresto, avvenuto ieri, compiuto dagli agenti delle volanti del commissariato di Taurisano, è legato a dissapori familiari, tra lui e la moglie. Tutto è accaduto ieri sera, intorno alle 22.40. La donna telefona al 113 per raccontare che il marito, con il quale condivideva la stessa abitazione, in seguito alla notizia della sua volontà di separarsi era andato su tutte le furie e che già da diverso tempo l’avrebbe minacciava di morte. Era accaduto poco prima della telefonata della donna alla polizia, che Mazzotta, sempre al telefono, l’avrebbe minacciata di morte e le aveva intimato di tornare subito a casa altrimenti “l’avrebbe spaccata in due”.xx-2-2

A quel punto i poliziotti si sono recati nei pressi dell’abitazione dei coniugi, ma quando l’uomo ha notato la pattuglia, affacciatosi dal balcone, ha iniziato ad inveire contro la moglie, che si trovava per strada. Così gli agenti hanno deciso di accompagnare la signora all’interno dell’appartamento, ma giunti sul pianerottolo del primo piano l’uomo, incurante della presenza delle forze dell’ordine, ha colpito improvvisamente la moglie con un pugno a mano aperta sulla fronte, facendola barcollare e continuando a spingerla per le scale. La vittima ha poi sbattuto contro la finestra del pianerottolo sottostante.

I poliziotti hanno cercato di bloccare l’uomo, dalla prestanza fisica non indifferente, che per tutta risposta, cercando di svincolarsi per aggredire nuovamente la moglie, ha colpito con violenza gli agenti. Un poliziotto con vari colpi sul torace e con uno spintone che lo fatto cadere per le scale; successivamente ha assestato all’altro una gomitata sul costato destro e nel contempo scalciandogli un colpo di tacco sul piede destro.a2-9-7

Bloccato, con non poca fatica da parte degli agenti, il 40enne è stato accompagnato presso il commissariato, mentre i poliziotti hanno dovuto ricorrere al pronto soccorso dell’ospedale di Tricase, dove i medici hanno diagnosticato al primo trauma contusivo emitorace con prognosi quattro giorni ed al secondo un trauma contusivo al piede destro, con prognosi di 5 giorni. Anche la moglie dell’arresato è stato diagnosticato un ttrauma contusivo regione frontale con cefalea, con prognosi di 5 giorni.

Mazzotta aveva rotto inoltre la porta d’ingresso in legno, scardinandola, la porta di un’altra stanza presentava il pannello in legno divelto, tre persiane delle rispettive camere da letto completamente spaccate. E per l’uomo si sono aperte le porte del carcere di Lecce. L’arrestato nominava difensore di fiducia  l’avvocato Paolo Rizzo del foro di Lecce. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pugni contro la moglie e gli agenti di polizia, in manette 40enne

LeccePrima è in caricamento