Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Presunti prestiti usurai ad imprenditori e commercianti. A giudizio un avvocato

Un professionista di Martano è stato accusato di aver concesso finanziamenti a titolari di aziende e commercianti della zona, con tassi variabili che oscillavano dal 15 al 107 per cento, fino a sfiorare anche il 180 per cento

Un'aula del Tribunale di Lecce

LECCE – A processo, con l’accusa di usura, un avvocato 50enne di Martano, Cosimo Luigi Antonaci. Alla base dell’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Francesca Miglietta, i presunti prestiti a tassi usurai che il professionista avrebbe concesso a imprenditori, liberi professionisti, e commercianti, stretti dalla morsa della crisi economica. Il rinvio a giudizio è stato disposto dal gup Antonia Martalò al termine dell’udienza preliminare.

I fatti contestati si riferiscono al periodo tra il gennaio e l’aprile del 2007. Il 50enne, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe applicato tassi d’interesse ben oltre i limiti di legge, previsti per le operazioni di “anticipi, sconti commerciali, crediti personali e altri finanziamenti effettuati dagli intermediari non bancari”. Una tesi, quella accusatoria, basata anche sulla documentazione sequestrata dai carabinieri nello studio e nell'abitazione del legale. In particolare nei dati estrapolati dal personal computer utilizzato dall’imputato.

Sugli assegni ricevuti il professionista avrebbe applicato interessi variabili dal 15 al 107 per cento (come nel caso di un imprenditore e di un avvocato penalista), fino a fiorare il 180 per cento (nel caso di alcuni commercianti). Tassi che, seconda l’accusa, fornirebbero il riscontro alla presunta attività usuraia. Alcune delle presunte parti offese si sono costituite parte civile.

L’imputato è assistito dagli avvocati Luigi Piccinni e Antonio Romano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunti prestiti usurai ad imprenditori e commercianti. A giudizio un avvocato

LeccePrima è in caricamento