Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Presunte molestie nella libreria, l'arrestato si difende: "Nessuna violenza"

Interrogatorio di garanzia per il 43enne accusato di violenza sessuale e già rinviato a giudizio per un episodio simile

LECCE – Interrogatorio di garanzia per Salvatore Rosato, il 43enne leccese arrestato per violenza sessuale per aver molestato una ragazza in una libreria del centro di Lecce. Il 43enne, assistito dall’avvocato Alessandro Stomeo, è comparso dinanzi al gip Cinzia Vergine e ha ammesso di aver fotografato la ragazza ma solo dopo aver chiesto il suo consenso. Rosato ha esposto la propria versione dei fatti, negando ogni forma di violenza, affermando di aver frainteso l’atteggiamento confidenziale della ragazza. Il 43enne non sarebbe fuggito, ma rimasto all’interno della libreria, dove aveva appuntamento con un’amica. Lì sarebbe stato raggiunto da un agente della polizia locale e avrebbe richiesto lui stesso l’intervento della polizia per chiarire i fatti. 

Il gip ha disposto gli arresti domiciliari evidenziando la pericolosità dell’indagato e la reiterazione dei comportamenti molesti. Su di lui, infatti, pesa un episodio analogo avvenuto il 13 marzo del 2016 nei pressi di una scuola superiore a Lecce. In quel caso l’uomo aveva cercato di avvicinare, sempre con il pretesto delle foto, una ragazza minorenne, che era fuggita rifugiandosi all’interno della scuola. La scena era stata in parte ripresa da una videocamera di sorveglianza. Per questo episodio è stato rinviato a giudizio.

La presunta vittima del secondo episodio, dopo una prima denuncia, si è rivolta a un centro anti violenza, che l’ha aiutata a ricostruire meglio l’accaduto e a sporgere una denuncia integrativa. Da lì si sono sviluppate le indagini degli agenti di polizia, coordinati dal pubblico ministero Maria Micucci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunte molestie nella libreria, l'arrestato si difende: "Nessuna violenza"

LeccePrima è in caricamento