Presunti abusi nella baia di Porto Miggiano, in otto finiscono a processo

Sono otto le persone rinviate a giudizio nell'ambito dell'inchiesta sui presunti abusi edilizi nella baia di Porto Miggiano. E' quanto deciso dal gup Carlo Cazzella al termine di una lunga udienza preliminare (iniziata in tarda mattinata). Due le posizioni stralciate per difetto di notifica

LECCE – Sono otto le persone rinviate a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sui presunti abusi edilizi nella baia di Porto Miggiano. E’ quanto deciso dal gup Carlo Cazzella al termine di una lunga udienza preliminare (iniziata in tarda mattinata). Due le posizioni stralciate per difetto di notifica (tra cui quella di Maria Grazia Doriana, amministratore unico della "Cem" di Napoli, società che ha eseguito i lavori).

A giudizio, con le accuse a vario titolo di abusivismo edilizio in zona sottoposta a vincolo e distruzione e deturpamento di bellezze naturali, sono finiti il geometra Salvatore Bleve, in qualità di dirigente dei Lavori pubblici del Comune di Santa Cesarea Terme e di Responsabile unico del procedimento; Daniele Serio, di Surbo, direttore dei lavori; l’architetto Francesca Pisano; l'ex sindaco Daniele Cretì; Luigi Stanca; Giovanni Bosco; Mario Rotolo e Antonio De Fazio.

La baia fu sequestrata nel mese di marzo del 2013. L’attività investigativa è stata finalizzata all’accertamento delle cause del danneggiamento della scogliera, e se sia imputabile all’erosione provocata dalle onde e dalle infiltrazioni umide in una roccia già delicata, o sia stato provocato dagli interventi di cementificazione dell’area e se quei lavori sul costone possano essere considerati in regola con la normativa vigente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli uomini del corpo forestale dello Stato hanno apposto i sigilli sia all’area a strapiombo sul mare (dove sono in corso alcuni interventi di consolidamento geotecnico), sia alla parte superiore, interessata da lavori di urbanizzazione. La misura è stata disposta ai fini probatori, per accertare la conformità dei lavori della falesia, finanziati con fondi Cipe per un importo di circa tre milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento