Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Differenziata spinta al via: il primo atto in una città invasa dai turisti stranieri

Secondo il calendario predisposto, il porta a porta è stato avviato in tre zone: centro storico, San Pio e Villa Convento. Lecce entra dunque, con molto ritardo, in una fase dalla quale non si deve tornare indietro. Ai cittadini una grande responsabilità

LECCE – Fiducia e diffidenza. Sentimenti contrastanti nel primo giorno di raccolta dei rifiuti con il sistema porta a porta: secondo il calendario predisposto si è partiti con la raccolta dell’organico nelle tre zone della città - centro storico, rione San Pio, frazione di Villa Convento - scelte come laboratori di un esperimento che entro l’anno dovrebbe diventare un’abitudine generale che avvicinerà Lecce a standard adeguati di igiene e civiltà.

Quello iniziato oggi è un passaggio che, va detto con chiarezza, non può rivelarsi a vuoto. Basta attraversare il cuore del centro storico, pullulante di uomini e donne con una macchina fotografica a tracolla e una cartina in mano, per comprendere come una città che punta ad accogliere flussi significativi di turisti per almeno sei mesi all’anno, non può proseguire con i cassonetti stracolmi nei vicoli e i rifiuti in eccesso abbandonati tutto intorno.

Non è solo una questione di immagine, ci mancherebbe. Il porta a porta serve tanto al centro quanto alle periferie. E’ un esercizio di cittadinanza perché consentirà di capire, con chiarezza, chi rispetta l’ambiente e chi lo utilizza come scarico. Si porrà limite all’utilizzo improprio che residenti di 20150504_115425-2comuni dell’hinterland leccese, dove il porta a porta si  fa già, fanno entrando nel perimetro del capoluogo per gettare i loro sacchetti. Ecco perché tra le zone iniziali è stata inserita la frazione di Villa Convento.

E’ chiaro pure che, passato un fisiologico periodo di assestamento durante il quale è prioritario il bombardamento informativo sulle corrette pratiche di differenziazione del rifiuto e di conferimento dello stesso, bisognerà passare alle sanzioni per chi non rispetta le nuove regole. Il sistema di raccolta differenziata attraverso un porta a porta spinto è un fatto ineludibile: bisogna augurarsi che tutti gli attori interessati si rivelino, alla prova dei fatti, all’altezza di questo passaggio a suo modo storico per Lecce: dall’azienda che gestirà l’appalto per i prossimi 9 anni all’amministrazione comunale che deve vigilare sulla corretta esecuzione del contratto. Senza dimenticare i leccesi, utenti e protagonisti principali: è il momento, per loro, di dimostrare che vogliono bene alla città più di quanto spesso dimostri di farlo la classe dirigente che li rappresenta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Differenziata spinta al via: il primo atto in una città invasa dai turisti stranieri

LeccePrima è in caricamento