Traffico di droga tra Salento e Albania, nove richieste di condanna in abbreviato

L'inchiesta è nata da un blitz del gruppo operativo antidroga della guardia di finanza nel marzo del 2013: a Melendugno sequestrati 20 chilogrammi di hashish

Panetti di hashish (repertorio). Sotto, Squittino e Vacca, tra i principali indagati.

LECCE - Sono nove le richieste di condanna formulate dal pubblico ministero Guglielmo Cataldi nei confronti degli imputati coinvolti nell’inchiesta sui presunti componenti di un'organizzazione italo-albanese, dedita al traffico e allo spaccio di stupefacenti. Tutti hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato, celebrato dinanzi al gup Carlo Cazzella.

Un anno e nove mesi la richiesta dell’accusa per Daniele Balloi, 33enne di Melendugno; otto anni per Angelo Belfiume, 38 anni, di Melendugno; l’albanese  Bilaj Bocaj, 48enne; Paolo Merico, 31 anni e Alessandro Migliorini 30 anni di Poggiardo. Otto anni e dieci mesi, invece, per Maurizio Miloso 45enne di Marano di Napoli.

SQUITTINO CARLO PER STAMPA-2Dieci anni per Carlo Squittino 45enne originario della Campania ma residente a Castro. Un anno e nove mesi per Andrea Petrachi, 49enne di Lecce; e due anni per Ciro Vacca, 61enne di Cavallino (arrestato di recente per il tentato omicidio del figlio).

VACCA CIRO (2)-2Chiesta l’assoluzione per Angelo Giuseppe Pellecchia 32 anni. L’udienza è stata aggiornata all’11 ottobre, data i cui discuteranno i legali degli ultimi due imputati, poi il giudice pronuncerà la sentenza. Nel collegio difensivo gli avvocati Massimiliano Petrachi, Annaelisa Prete, Donato Sabetta, Elvia Belmonte, Luca Puce, Silvia Mauro, Selene Mariano, Giuseppe Giannaccari, Mario Ingrosso e Patrizia Manzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare avvio all’inchiesta il blitz eseguito il 19 marzo del 2013 dagli uomini del Gruppo operativo antidroga della guardia di finanza. Furono venti i chili di hashish sequestrati in un capannone alle porte di Melendugno. In manette finirono Giancarlo Squittino, Maurizio Miloso e Angelo Belfiume. Da lì, attraverso intercettazioni e una capillare attività d’indagine, si è sviluppata l’inchiesta che ha evidenziato i presunti traffici illeciti tra il gruppo salentino-campano e i referenti albanesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento