Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

PROF SEXY IN AULA. "NON ERA L'UNICO VIDEO"

Presentato in Procura l'esposto contro gli autori del filmato al centro della scottante vicenda uscita allo scoperto in questi giorni. Serrati interrogatori dei carabinieri agli alunni

Altri studenti interrogati questa mattina sullo scandalo della professoressa di Monteroni sorpresa da un filmato mentre nel marzo 2006 si lasciava palpeggiare in aula da alcuni alunni. I carabinieri del Nucleo operativo stanno raccogliendo gli elementi su cui l'autorità giudiziaria dovrà valutare se ricorrono le ipotesi di atti sessuali con minori.

L'insegnante, all'epoca dei fatti in servizio all'istituto privato "Oxford" di Lecce, si è difesa sostenendo che il video diffuso sulla rete di Internet rappresenti una simulazione. Una bravata dei ragazzi allora? Due degli studenti, ascoltati in presenza dei genitori, hanno raccontato che altri episodi simili si sono verificati e sono stati ripresi. Perché avrebbero diffuso il video? Qual era il clima fra l'insegnante e la classe, trasferita all'inizio dell'anno scolastico al professionale "Marconi"?


La professoressa ha anche sostenuto di aver allora avvisato il dirigente scolastico della condotta anomala degli alunni, ma l'avvocato Camassa, che ha ricevuto mandato dal capo dell'istituto, ha smentito in una nota. L'avvocato Massimo Bellini, difensore della quarantenne docente di matematica, madre di un undicenne, ha sporto querela contro chi ha immesso in rete e girato il filmato. Tra qualche giorno si saprà se la professoressa verrà rinviata a giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PROF SEXY IN AULA. "NON ERA L'UNICO VIDEO"

LeccePrima è in caricamento