Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Progetto "Dedica": l'arte incontra le donne in carcere

Si conclude lunedì presso la casa circondariale di Lecce il progetto in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Lecce. Linguaggi artisitici per confrontarsi sul tema del disagio delle recluse

Si conclude lunedì 12 maggio presso la casa circondariale di Borgo San Nicola di Lecce il progetto "Dedica" realizzato dall'Asal (Associazione studenti accademia Lecce) e dagli studenti del Corso di specializzazione per Manager culturale, in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Lecce e con la casa circondariale di Borgo San Nicola di Lecce nell'ambito del programma europeo Youth in Action. L'idea del progetto nasce dall'incontro di un gruppo di giovani studenti dell'Accademia di Belle Arti di Lecce con l'obiettivo di affrontare la condizione di disagio e di emarginazione delle giovani ragazze recluse nella casa circondariale di Borgo San Nicola a Lecce, contesto in cui i linguaggi artistici (il teatro e il cinema) costituiscono strumenti utilissimi a creare opportunità di dialogo fra l'universo chiuso del carcere e il mondo esterno.

Alle 16, presso la casa circondariale di Borgo San Nicola di Lecce sarà proiettato il video realizzato durante le attività di laboratorio teatrale e cinematografico. Il tema attorno a cui hanno ruotato le attività di laboratorio è, appunto, quello della "Dedica" che ha consentito l'applicazione di metodologie di lavoro basate sul coinvolgimento personale ed emotivo delle partecipanti. Le detenute e gli allievi dell'Accademia Laura Scorrano, Angela Scaramazza, Silvia Franceschini, Paola Vaglio, Fabio Doria, Paola Maritati, Valentina Schipa, Annarita Zecca, Emanuele Pellegrino, Ilaria de Leonardis, Beatrice Vecchio, guidati da Fabrizio Saccomanno attore di Koreja e Mattia Soranzo, giovene vidoemaker, hanno realizzato metodologie di lavoro basate sulla narrazione del sé, sulla drammatizzazione di esperienze di vissuto, sullo scambio e la comunicazione interpersonale riducendo separazioni consolidate fra mente e corpo, fra pensiero e azione ma anche separazioni fra generi e discipline.

Durata la proiezione verranno distribuiti ai presenti un calendario e un diario di bordo realizzati durante l'esperienza laboratoriale a testimonianza dell'impegno e dello scambio di esperienze ed emozioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetto "Dedica": l'arte incontra le donne in carcere

LeccePrima è in caricamento