Centinaia di udienze, tutte alla stessa ora. Caos negli uffici del giudice di pace

Tensione questa mattina nei locali di via Brenta destinati alla magistratura onoraria. Tre sale di pochi metri quadrati ciascuna dedicate alla discussione delle cause e la pazienza cede il passo alla protesta. Intervento dei consiglieri dell'Ordine

Gli uffici di via Brenta.

LECCE – Troppe cause, pochi metri quadrati a disposizione.  Tensione, questa mattina, presso gli uffici del Giudice di pace, in via Brenta. Non è la prima volta che si verifica una situazione del genere, ma da quando è diventato operativo l’accorpamento delle sedi periferiche la questione è diventata ancora più urgente.

A fronte di un calendario “chilometrico” di udienze , le parti sono tutte convocate allo stesso orario, le 9.30  e per questo si determina un sovraffollamento che fa letteralmente saltare i nervi: tra avvocati, attori e dei convenuti, si arriva a contare oltre un centinaio di persone tutte insieme in spazi angusti, impossibile lavorare in quelle condizioni. 

Davanti alle proteste, vibranti, che si levavano da più parti, si è reso indispensabile l’intervento di un consigliere dell’Ordine degli avvocati di Lecce, sollecitato dai colleghi. E’ da almeno un anno e mezzo che il presidente, Raffaele Fatano, segnala a chi di dovere una situazione di ordinaria penalizzazione della condizione professionale: il problema riguarda non solo i locali di via Brenta, ma anche quelli di viale De Pietro dove ha sede il tribunale penale. L'avvocatura leccese è del resto sul piede di guerra già di diversi mesi perché si sente marginalizzata e depotenziata nel disegno di riforma giudiziaria in corso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fatano, che da una parte rimarca l’encomiabile lavoro dei “colleghi giudici di pace” che si fanno carico di lunghe sessioni di udienze per sostenere il carico ordinario, sottolinea dall’altra come basterebbe maggiore buon senso per migliorare la situazione dal punto di vista organizzativo, magari stabilendo delle fasce orarie che consentano di diluire le presenze nel corso della giornata lavorativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento