menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei momenti della protesta

Uno dei momenti della protesta

Paura per la realizzazione della cava "Arpa": ad Alezio protestano in 300

Il comitato civico si è mobilitato per dire “no” alla cava d’argilla, al confine coi territori di Gallipoli, Matino, Taviano e Parabita

ALEZIO-  In oltre 300 in strada per protestare contro la realizzazione della cava d’argilla, nel territorio di Alezio, in località “Arpa”. Il Comitato civico si è infatti mobilitato per manifestare il proprio dissenso alla costruzione della cava, nelle campagne al confine con Gallipoli, Parabita, Taviano e Matino, destinata alla produzione di cemento e dà la parola agli esperti. Si è svolta domenica 20 maggio la manifestazione del Comitato Civico "Salviamo l’Arpa", con un corteo che ha visto il coinvolgimento di circa 300 persone, tra associazioni e privati cittadini, e che dal sagrato della Lizza ha attraversato le strade del paese fino al Parco Don Tonino Bello.

“Fermiamo il consumo di suolo” dicono i membri del Comitato, citando dati dell’Ispra : “Ogni 5 secondi 1 metro quadrato di terra in Puglia scompare”.  Sostengono inoltre la necessità di un differente modello di sviluppo, che concili economia, tutela della salute, del paesaggio, dei beni artistici e culturali del nostro paese. Intervengono per fornire informazioni e dare sostegno al Comitato Marcello Seclì, Presidente di Italia Nostra Sud Salento e il Carmine Cerullo, oncologo e responsabile del Progetto Geneo per  Lilt, Lega Italiana per la lotta ai tumori. Il progetto riguarda il monitoraggio delle condizioni dei suoli e la correlazione tra condizione del suolo e diffusione di patologie tumorali.

Il sindaco di Alezio, Vincenzo Romano riferisce che, in seguito ad un incontro svoltosi presso la Regione nella scorsa settimana, la Conferenza dei servizi prevista per il 28 maggio prossimo è stata rinviata. Il Comitato civico continua la raccolta di firme per la petizione rivolta al presidente della Regione Michele Emiliano, al presidente della Provincia di Lecce, della prefettura e del Comune di Alezio  e riferisce che continuerà a mobilitarsi fino ad un esito certo della propria battaglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    I benefici del caffè, una mattutina preghiera quotidiana

  • Alimentazione

    Finocchio: proprietà, controindicazioni e usi in cucina

  • Fitness

    La cyclette, il benessere a casa e in palestra

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento